13 Modi Gratuiti per Promuovere la tua Azienda

Avatar
Marketing @Ahrefs. Leggo, pratico breakdance e mi piace fare ogni giorno nuove esperienze di vita.
    Fai difficoltà nel trovare le giuste tattiche per promuovere la tua azienda?

    Ecco una lista di tattiche che abbiamo utilizzato a Ahrefs per crescere del +65% di anno in anno. La maggior parte sono gratuite. Puoi utilizzarle per promuovere anche la tua azienda.

    1. Fatti notare sulle directory
    2. Posta regolarmente sul blog
    3. Crea dei video su Youtube
    4. Riproponi i tuoi contenuti su diversi canali
    5. Crea una lista email
    6. Fai un giveaway
    7. Ottieni visibilità sui podcast
    8. Scrivi dei guest post
    9. Fai partnership con altre aziende
    10. Fai recensire i tuoi prodotti
    11. Crea una pagina di confronto
    12. Parla agli eventi
    13. Sfrutta i social media

    Google non è l’unico modo attraverso il quale le persone trovano le aziende online. Molte persone preferiscono infatti utilizzare delle directory di settore.

    Ad esempio, potresti utilizzare TripAdvisor per trovare un ristorante locale, il Consiglio Nazionale Forense per trovare un avvocato, e HomeAdvisor per trovare un idraulico. Molte persone cercano questi siti in maniera diretta, ma questi si posizionano anche in alto su Google per le ricerche locali.

    Essere su uno di questi siti è importante per far sì che le persone scoprano la tua azienda, e spesso creare un profilo è totalmente gratuito.

    Ma come puoi trovare queste directory?

    Un metodo è quello di cercare su Google “[tipologia di azienda] a [città]”. Esplora poi i risultati di ricerca per scoprire le directory del caso.

    Un’altro metodo consiste nell’utilizzare il Link Intersect di Ahrefs. Il Link Intersect mostra chi sta fornendo link ai tuoi concorrenti ma non te. Questo può aiutarti a scoprire delle directory che i tuoi concorrenti, ma non tu, stanno già utilizzando.

    Per farlo, inserisci le homepage di alcuni tuoi concorrenti all’interno del Link Intersect.

    Fai click poi su “Mostra opportunità di backlink”.

    Analizza poi la lista alla ricerca di directory. Ad esempio, questo sito sembra una directory, e sta fornendo link a tutti e tre i siti dei concorrenti.

    Se sei un bar nel Regno Unito, e non sei inserito in questa directory, dovresti decisamente fare qualcosa.

    Il blog di Ahrefs ottiene ~397.000 visite al mese.

    Tieni a mente che questo è solo il traffico che otteniamo da Google. Se includessimo gli altri canali sarebbe molto di più.

    In ogni dato momento, c’è solo un numero ristretto di persone disposte a compiere un acquisto. Se cerchi di intercettare solo questi, stai lasciando sul tavolo una grossa fetta del tuo mercato. Ma, attraverso un blog, puoi intercettare quelle persone che non sono ancora pronte a compiere un acquisto così su due piedi.

    Ad esempio, noi siamo posizionati #1 per “blogger outreach” (in italiano: “contattare altri blogger”).

    Le persone che cercano questo argomento hanno un problema: vogliono contattare dei blogger influenti, ma non sanno come farlo. Non sono inoltre a conoscenza del fatto che il nostro set di strumenti può aiutarli. Dopotutto, se lo sapessero, avrebbero cercato direttamente il nostro brand.

    Posizionandoci per termini come quello intercettato da questo articolo, siamo in grado di promuovere la nostra azienda spiegando a chi ricerca come utilizzare Ahrefs per risolvere il problema che ha di fronte. E questo è esattamente quello che facciamo in questo articolo.

    Per creare un blog aziendale di successo, servono due ingredienti. Devi intercettare tematiche che hanno:

    1. Potenziale di portare traffico. Le persone cercano queste tematiche su Google.
    2. Potenziale a livello di business. L’argomento ti consente di promuovere i tuoi prodotti o servizi.

    Il modo più semplice per trovare argomenti con potenziale di traffico, è con uno strumento gratuito per la ricerca parole chiave, come il Keyword Generator. Inserisci una parola chiave pertinente e ti troverai davanti fino a 150 idee tematicamente correlate.

    Analizza questi risultati e assegnagli un punteggio in base al loro potenziale a livello di business. Ecco il sistema che utilizziamo a Ahrefs:

    how-to-promote-your-business

    Approfondisci: Cosa Sono i Contenuti SEO? Come Scrivere Contenuti che si Posizionano 

    I contenuti testuali non sono gli unici che puoi realizzare. Esistono anche i video. YouTube è il secondo motore di ricerca più utilizzato al mondo (escludendo Google Immagini).

    Dal 2018, abbiamo impiegato molte risorse nel creare contenuti per YouTube. E l’investimento ci ha portato un ritorno fantastico. Oggi abbiamo ~217.000 iscritti, e otteniamo ~300.000 visualizzazioni al mese.

    Questo ci ha anche portato molti clienti:

    A livello di video marketing, seguiamo la stessa strategia di content marketing che utilizziamo per il blog—intercettare tematiche che hanno sia potenziale di traffico che di business.

    Puoi trovare delle tematiche per YouTube utilizzando uno strumento per la ricerca parole chiave come lo YouTube Keyword Tool. Anche qui puoi inserire una parola chiave pertinente e ottenere 150 diverse tematiche di cui potresti potenzialmente parlare.

    Analizza la lista, prendi nota delle tematiche che reputi pertinenti, e ordinale in base al potenziale di business.

    Non devi sempre creare dei contenuti da zero. Trasforma i contenuti che hai già creato in un formato (ad esempio i video YouTube) adattandoli per un altro canale (ad esempio il tuo blog).

    Ad esempio, il nostro video sull’affiliate marketing ha ricevuto oltre 74.000 visualizzazioni:

    Lo abbiamo trasformato in un articolo, che ci porta ~34.000 visite ogni mese:

    E siamo addirittura riusciti a occupare due posizioni nelle SERP, generando più traffico organico nel corso del tempo:

    Un contenuto, diventa così non più un solo contenuto. Diventa molto di più. E da video a testo non è l’unica cosa possibile. Puoi:

    Pensa a questa cosa come un piramide. Inizia con una versione, poi rompila gradualmente in versioni più piccole per altri canali.

    Ogni settimana, inviamo una newsletter a ~120.000 persone con tutti i contenuti che abbiamo pubblicato in quella settimana.

    Queste non sono 120.000 persone a caso. Sono persone che ci hanno espressamente detto che vogliono ricevere i nostri contenuti.

    Il nostro segreto? Abbiamo costruito una lista email.

    Creare una lista email, significa che sei il proprietario del canale di comunicazione. In ogni momento, puoi comunicare con i tuoi fan. Puoi inviare offerte, contenuti, ecc—qualsiasi cosa.

    Quindi, come crei un lista email?

    Il modo più semplice è quello di offrire qualcosa in cambio dell’iscrizione. A Ahrefs, facciamo le cose in modo semplice, e ci offriamo di fornire più contenuti che possono essere ricevuti direttamente nella propria casella di posta.

    Se vuoi puoi essere un po’ più “aggressivo” e offrire una “carota”—ad esempio una versione PDF dell’articolo, o un corso gratuito via email.

    Quando fatti bene, i giveaway funzionano. Promuovono la tua azienda, migliorano la brand awareness e possono addirittura aiutarti a ingrandire la tua lista email.

    La parte su cui porre l’attenzione è “quando fatti bene”.

    Lo dico perché ho visto molte aziende fare giveaway senza una concreta strategia. Tutto quello che fanno è offrire il premio più grande a loro disposizione—un MacBook Pro, un iPhone o addirittura una Tesla. Certo, questo ti fa ottenere molta attenzione. Ma finisci con l’attrarre anche persone non in target o a cui non frega nulla della tua azienda.

    Questo non è il modo giusto per fare un giveaway. L’obiettivo non è fare il più grande giveaway del mondo; è invece quello di attirare persone che possono essere interessate alla tua azienda.

    Questo significa offrire un qualcosa che il tuo pubblico vuole. Il modo più diretto, consiste nell’offrire come giveaway i prodotti che stai vendendo. Ad esempio, a Ahrefs, facevamo dei giveaway ogni volta che sponsorizzavamo un podcast.

    Utilizzo Ahrefs sia per Youtube che Google, e non sono nemmeno in grado di dire quanto ROI ho ottenuto finora. Puoi ottenere un account standard annuale gratuito (del valore di $1.790); tutto quello che devi fare è inviare…un tweet. Davvero. Vai su Twitter e tagga me (@PatFlynn) e @Ahrefs. Dicci cosa ti è piaciuto di questo episodio, cosa ti è stato utile—questo è tutto. Entro trenta giorni, selezioneremo qualcuno a caso per vincere un nostro account!

    Nota a margine.
    Al momento, non facciamo più giveaway. 

    Ad ogni modo, se la tua azienda è nuova o ha un prodotto che nessuno conosce, potrebbe non essere un premio intrigante. In questo caso, puoi fare una partnership con un’altra azienda che ha una base di utenti simile alla tua ma verso la quale non sei in competizione.

    Ad esempio, alcuni anni fa, ho lavorato per un Startup che vendeva un prodotto completamente nuovo: un giubbotto massaggiante. Avevamo solo un prototipo funzionante, quindi dare via il nostro prodotto non era una valida opzione. Dato che la nostra audience target erano persone con il mal di schiena, abbiamo fatto una partnership con un’azienda simile e offerto il loro prodotto come giveaway.

    In cambio ci siamo occupati di tutto il resto—impostare il giveaway, promuoverlo e condividere la lista email con l’azienda sponsor.

    Una volta che hai scelto il premio giusto, puoi utilizzare un’app gratuita come KingSumo per impostare il giveaway.

    Esistono migliaia di podcast. Probabilmente alcuni di questi sono dedicati al tuo settore. E cercano ospiti.

    Fai in modo di essere uno di questi.

    Puoi trovare podcast cercando “[la tua nicchia] podcast” su Google. Potresti scoprire che la maggior parte dei risultati sono però podcast ben stabiliti—e potrebbe essere difficile diventare un ospite se sei nuovo nel campo.

    Un’alternativa è quella di cercare qualcuno all’interno del tuo settore che sia già stato ospite in molti podcast. Ad esempio, se vendi un’app per imparare le lingue, Steve Kaufmann potrebbe essere il tipo giusto.

    Inserisci il suo sito nel Site Explorer di Ahrefs e vai nel report chiamato Backlinks. Cerca poi il suo nome all’interno della box “Include”. Impostalo in modo da cercare “only titles of referring pages.”

    You’ll see a list of places where he has been featured on podcasts. 

    Analizza la lista e vedi se trovi opportunità in termini di podcast. Contatta poi il conduttore e offriti come ospite.

    Lettura consigliata: 12 lezioni che ho imparato dopo essere stato ospite di 20+ podcast in 4 mesi 

    Il guest blogging è il processo di scrivere contenuti per un altro blog.

    Perchè dovresti farlo? Quando scrivi per un altro sito, ottieni visibilità dalla sua audience. Ottieni anche un link verso il tuo contenuto. Le persone che sono interessate potrebbero fare click, portando traffico referral. E dato che i link sono un importante fattore di posizionamento, potrebbero anche aiutarti a spingere le tue pagine su Google.

    Per prima cosa, devi trovare siti che accettano guest post. Puoi farlo utilizzando degli operatori di ricerca avanzati all’interno di Google:

    • [la_tua_tematica] “scrivi per noi”
    • [la_tua_tematica] “guest post”
    • [la_tua_tematica] “articolo guest”
    • [la_tua_tematica] “diventa un autore”
    • [la_tua_tematica] inurl:contribuisci

    Questo è un buon punto di partenza, ma non dovresti limitarti a questa tattica. Ci sono molti blog che accettano guest da autori anche se non li cercano attivamente. Se hanno pubblicato in precedenza articoli su determinate tematiche, ci sono ampie possibilità che siano interessati ad accettare un guest post che ne tratta una simile.

    Puoi trovare questi siti con il Content Explorer. Il Content Explorer è un mini motore di ricerca all’interno di Ahrefs. È alimentato dal nostro database di 5 miliardi di pagine, e puoi utilizzarlo per trovare menzioni di qualsiasi cosa sul web.

    Comincia inserendo una parola chiave o una frase al suo interno. Impostato su “nel titolo” e cerca.

    Poi clicca sulla casella “un articolo per dominio” in modo da evitare di contattare lo stesso sito due volte.

    Nota a margine.
    Checking the “Exclude homepages” box removes non-blog posts from the results. 

    Puoi anche restringere la lista dei risultati concentrandoti sui siti che sono “al tuo livello”. Imposta il filtro del Domain Rating a ~21–70 per trovare questi siti.

    Lettura consigliata: Guest Blogging per la SEO: Come Ottenere Link di Alta Qualità in Massa

    Domanda veloce: cos’hanno in comune scrivere dei guest post ed essere ospite nei podcast?

    La risposta: sfruttare il pubblico di altre aziende.

    Se sei una nuova o piccola azienda, non hai un tuo pubblico. Ma gli altri si. Quindi, se puoi fornire loro dei benefici—come dei contenuti di qualità gratuiti per fare guest blogging—puoi sfruttare il loro pubblico e portare traffico al tuo sito.

    Ad esempio, noi abbiamo lavorato con Buffer, uno strumento per il social media scheduling, su di un webinar chiamato “Come Ottenere Traffico Verso il Sito con Contenuti Evergreen e Social Media Marketing”.

    I nostri due strumenti non sono in competizione. Ma entrambi vogliamo lo stesso pubblico—un connubio perfetto per una collaborazione.

    La lezione è la seguente: cerca opportunità per lavorare con aziende che servono lo stesso pubblico, ma che risolvono un problema differente.

    Quando abbiamo lanciato il nostro giubbotto massaggiante su Kickstarter qualche anno fa, abbiamo superato del 200% il nostro obiettivo di finanziamento. Il fattore che ha contribuito per la maggiore sono state le menzioni di tipo media guadagnato.

    Come abbiamo fatto? Semplice: abbiamo inviato i nostri giubbotti a giornalisti e influencer. Loro li hanno poi recensiti e scritto un articolo sul prodotto. Siamo finiti su siti tech importanti, come Engadget.

    Recentemente, a Ahrefs, abbiamo lanciato Ahrefs Webmaster Tools. In maniera simile, abbiamo fornito una panoramica ai giornalisti, che ci hanno fanno ottenere menzioni su Search Engine Journal e Tech Radar.

    Come fai a capire a chi devi inviare i prodotti per ottenere una recensione?

    Il modo più semplice è trovare chi ha già recensito prodotti simili al tuo, contattarli e offrire il tuo prodotto per un test.

    Per iniziare, fai una sessione di brainstorming e identifica 2–3 aziende concorrenti. Poi, inserisci i loro brand all’interno del Content Explorer di Ahrefs. Ad esempio, se producessi materassi, dei potenziali concorrenti potrebbero essere Eight Sleep, Casper e Purple.

    Troverai tonnellate di pagine che parlano di queste aziende.

    Clicca su “Evidenzia i domini scollegati” per filtrare e aggiungi il tuo dominio. Questo mostrerà i siti dai quali non hai link.

    Esporta la lista, contatta i siti e prova a farti menzionare vicino ai nomi dei tuoi concorrenti.

    Che ti piaccia o no, i tuoi clienti fanno dei confronti. Dopotutto, quello che vogliono è sempre ottenere il massimo dai loro soldi. Quindi perché dovrebbero scegliere te invece della concorrenza?

    Per rispondere a questa domanda, puoi creare una pagina di confronto dove metti l’uno a fianco all’altro i pro e i contro della tua azienda e quella dei tuoi concorrenti.

    Per scoprire con chi i tuoi clienti ti mettono a confronto, inserisci il tuo nome brand all’interno del Keywords Explorer di Ahrefs, vai poi sul report “Corrispondenza frase”.

    Sotto la colonna “Terms”, cerca quelle parole che evidenziano un confronto. Ad esempio “vs” ci dice che i clienti stanno confrontando Mailchimp con qualcos’altro. Fai click sopra e vedrai una lista di diverse ricerche che contengono “vs” al loro interno. Queste sono le aziende con le quali vieni messo a confronto.

    A questo punto, la maggior parte delle aziende creerà una pagina dove vincono in ogni categoria. Ma come disse il famoso advertiser David Ogilvy, “Il cliente non è un cretino. È tua moglie”. I tuoi clienti sapranno riconoscere i tuoi bluff e le tue bugie. Sanno che vincere in ogni categoria non è possibile. Questo non farà altro che far scendere la loro fiducia.

    Piuttosto, cerca di essere onesto su alcune piccole pecche. Parlando nuovamente di David Ogilvy, ecco cosa dice nel suo Ogilvy on Advertising:

    “Di ai tuoi clienti potenziali quali sono i tuoi punti deboli, prima che li notino. Questo ti farà sembrare più credibile quando evidenzi i tuoi punti di forza.”

    Nella nostra pagina di confronto, invece di fare un confronto testa a testa, abbiamo deciso di inserire le recensioni da siti di terze parti neutrali.

    Come puoi vedere, non siamo i migliori su ogni piattaforma. Ma a noi sta benissimo così.

    Non ho decine di migliaia di follower su Twitter. Non sono mai stato su Forbes. E non sono nemmeno parte dei migliori 30 sotto i 30. Praticamente, non sono nessuno nel mondo del digital marketing.

    Eppure, ho parlato a eventi come il Digital Marketing Skill Share a Bali

    Non importa in quale settore tu sia, ci saranno sempre eventi dove puoi essere invitato a condividere la tua professionalità. Questo non deve essere un qualcosa al livello di Tony Robbins dove fai l’oratore davanti a 10.000 persone. Gli eventi locali di fronte a 50 persone sono ottimi per tantissime aziende.

    E, cosa più importante, portano clienti.

    Chiaramente, data la situazione odierna, gli eventi in persona non sono un’opzione. Eppure ci sono tantissimi summit online, talk ecc… Dove puoi essere invitato a parlare.

    A dirla tutta, recentemente, ho fatto una sessione online con RevoU, un’accademia online con sede in Indonesia.

    https://www.youtube.com/watch?v=zl9f-81ikl8

    Secondo il guru dei social media Gary Vaynerchuk, la maggior parte delle aziende fa social media nel modo sbagliato. Vanno su piattaforme come Instagram postando solo contenuti dove si promuovono (Gary li chiama “ganci destri”). 

    Invece, quello che dovrebbero provare a fare è interagire e riuscire a connettersi con il proprio pubblico (“diretto”) e solo poi sferrare uno di quei “ganci destri” nel momento giusto. Le aziende dovrebbero tirare più “diretti”—fornire valore e contenuti utili prima di provare a vendere.

    Ad esempio, se sei un ristorante locale, potresti condividere un IGTV dove ricrei la tua famosa carbonara. Messo a confronto con un banale “Vieni ad assaporare un delizioso pasto!”, il video sarebbe probabilmente più condiviso e raggiungerebbe persone che non sanno nemmeno della tua esistenza.

    Hai paura che ti rubino la ricetta? Non temere. Gli chef famosi le condividono di continuo. Potresti cucinare qualsiasi cosa Gordon Ramsay ha creato, ma probabilmente visiterai uno dei suoi ristoranti in ogni caso.

    A Ahrefs, proviamo a sferrare tanti “diretti” quanti possiamo. Siamo attivi su Twitter, e pubblichiamo frequentemente consigli SEO e sul digital marketing, senza link:

    Lo facciamo anche su LinkedIn:

    Conclusione

    Le tattiche qui sopra sono per la maggior parte gratuite. Ma non dimenticare: se hai del budget, puoi sempre acquistare traffico a pagamento da Google, Facebook, ecc…

    Quello è solitamente il modo più veloce per vedere dei risultati sin dall’inizio.

    Domande o tattiche di cui non ho parlato? Fammelo sapere su Twitter.