Introducing Ahrefs Webmaster Tools. Free SEO audits, backlink, and keyword data. Learn more →

Enjoyed the Read?

Don’t miss our next article!

YouTube SEO: Guida completa al Posizionamento dei tuoi Video

Avatar
A capo della parte di Product Education e responsabile di tutti video che vedete @Ahrefs. Creo sistemi.
    Vuoi sapere come abbiamo aumentato le nostre visualizzazioni di ricerca YouTube quasi del 400%?

    In 7 mesi e mezzo, abbiamo raggiunto dei posizionamenti pazzeschi su YouTube per alcune delle più ricercate parole chiave del nostro settore.

    Anche se i posizionamenti sono influenzati dalla posizione geografica e sono in continuo cambiamento, ecco alcuni esempi:

    local seo YouTube

    #1 per “local SEO

    seo tips YouTube

    #1 per “SEO tips”

    youtube search results seo

    #2 per “SEO

    Non abbiamo creato un fenomeno virale, ma abbiamo avuto una crescita continua a partire dal primo giorno in cui abbiamo pubblicato un video che puntava a parole chiave specifiche.

    ahrefs youtube analytics search traffic

    Traffico Ahrefs Ricerca YouTube durante i 7 mesi passati.

    In pratica, il nostro canale ha raccolto più di 3 milioni di minuti di tempo guardato nello stesso periodo di 7 mesi (equivalente ad un totale di 6 anni di visualizzazione continua).

    Il nostro canale non è enorme, pubblichiamo un video alla settimana, e il nostro settore non è propriamente “esaltante”.

    E rispetto ai nostri concorrenti, il nostro numero di sottoscrizioni al canale è microscopico.

    Ma questo è quello che adoro di YouTube SEO.

    Chiunque e tutti hanno l’opportunità di intrattenere, attrarre, e posizionarsi bene.

    In questo post, imparerai come posizionare i tuoi video YouTube dall’inizio alla fine.

    https://www.youtube.com/watch?v=NY3y0V9UDwM&index=2&list=PLvJ_dXFSpd2tsn8vwEmhFM0McBH4PhEty

    YouTube SEO è il processo per ottimizzare i tuoi video, playlist e canale in modo da essere posizionati in alto nei risultati di ricerca organica di YouTube per un determinato termine di ricerca.

    Piuttosto che cercare di approfondire ogni singola fonte di traffico in YouTube analytics, mi focalizzerò su video nella ricerca YouTube aggiungendo alcuni suggerimenti per “raddoppiare” i tuoi ranking video in Google search.

    Di conseguenza non mi occuperò di video suggeriti, funzionalità di navigazione e altre fonti di traffico.

    YouTube spiega il proprio algoritmo di ricerca e scoperta della ricerca in due frasi.

    I video vengono classificati in base a una serie di elementi, tra cui il livello di corrispondenza del titolo, della descrizione e dei contenuti con la query dell’utente. Inoltre, valutiamo quali video hanno generato il coinvolgimento maggiore per una determinata query. I risultati di ricerca non sono un elenco dei video più visti in relazione a una determinata query.

    E quindi, sì, le parole chiave sono importanti sia in prospettiva nella pagina che “in video”. Seguire l’intendo della ricerca è essenziale.

    Ma l’ingrediente chiave per fare SEO video efficace è un elevato engagement (coinvolgimento).

    YouTube vuole che tu tenga gli utenti sulla loro piattaforma il più a lungo possibile (non necessariamente sul tuo video).

    Questo perché maggiori visualizzazioni video = più annunci = più soldi per Alphat Inc.

    In particolare, vogliono che tu mantenga un alto coinvolgimento sui tuoi video e per questo ti premieranno con maggiore visibilità.

    La maggior parte delle metriche di coinvolgimento possono essere misurate in YouTube analytics quali ad esempio mi piace/non mi piace, commenti, CTR (tasso di clic), fidelizzazione del pubblico, tempo di visualizzazione, clic sulle schermate finali, clic sulle schede, la lista va avanti.

    In fin dei conti?

    Se non riesci a coinvolgere il tuo pubblico, le tue possibilità di posizionare bene i tuoi video YouTube per una parola chiave significativa sono quasi nulle.

    Abbiamo finito con le chiacchere.

    Vediamo quindi il processo in 7 passi per posizionare più in alto i tuoi video nella ricerca YouTube.

    Se non stai targettizzando parole chiave con volume di ricerca, non otterrai traffico di ricerca.

    Abbiamo avuto alcune esperienze in prima persona questo Marzo — Giugno. Abbiamo lanciato una serie di video di prodotto per la nostra serie Marketing con Ahrefs, che abbiamo usato per formare gli utenti più che per ottenere traffico di ricerca.

    low youtube search views

    Traffico di ricerca totale per il nostro video su “keyword ideas”.

    Nota a margine.
     Non stiamo suggerendo solo di creare video con parole chiave come obiettivo. Ci sono diversi metodi per affrontare argomenti di tendenza, capitalizzare sui video suggeriti e creare contenuti per clienti esistenti.

    Contrariamente con l’ottimizzazione tradizionale per motori di ricerca quali Google, YouTube non ha uno strumento di ricerca delle parole chiave ufficiale. Di conseguenza, molti strumenti di terze parti offrono numeri completamente arbitrari provenienti dal Google Keyword Planner.

    keywords everywhere search volume description

    Fortunatamente, ci sono strumenti e trucchi che puoi usare per identificare i volumi di ricerca per parole chiave su YouTube.

    YouTube suggest in combinazione con Google Trends

    YouTube suggest è simile a Google Suggest. Scrivi una parola chiave di partenza nella barra di ricerca YouTube e vedrai una lista di termini di ricerca rilevanti che contengono le tue parole chiave.

    youtube suggest results

    Puoi anche utilizzare un asterisco prima o dopo la tua parola chiave target, in questo modo funzionerà da “wildcard” (jolly) per espandere la ricerca.

    youtube suggest with asterisk

    Siccome non c’è uno strumento ufficiale per vedere volumi di ricerca, possiamo inserire alcuni dei suggerimenti di YouTube dentro a Google Trends.

    google trends apple watch keywords for youtube

    Google Trend utilizza però “interesse relativo” per paragonare rispetto ad altre parole chiave. Di conseguenza, prendete queste stime con le pinze.

    Utilizza Keywords Explorer di Ahrefs

    Recentemente abbiamo rilasciato l’ultima versione di Keywords Explorer, il quale include volumi di ricerca e metriche per motori di ricerca quali Google, YouTube, Bing, Amazon, Baidu e altri ancora.

    Questo è il nostro post che spiega dove prendiamo i nostri dati per i principali termini di ricerca YouTube.

    Inserisci una parola chiave o una lista di parole chiave e vedrai, per un Paese specifico volumi di ricerca, dati di clic, volumi di ricerca globali e la possibilità di accedere a cinque rapporti con idee sulle parole chiave.

    keywords explorer youtube search

    Il rapporto per “SEO” in Ahrefs’ YouTube Keyword Tool

    NOTA IMPORTANTE

    Per essere completamente trasparenti, non ho utilizzato questo strumento per la maggior parte del 2018, ma l’ho utilizzato dall’inizio del 2019 per ottimizzare i nostri attuali video e ovviamente per i nostri nuovi video.

    Analisi di parole chiave di massa

    Keywords Explorer è particolarmente utile quando cerchi per una lista di parole chiave molto grande. Puoi utilizzare vidIQ’s oppure l’Estensione di Chrome TubeBuddy’s.

    Cerca un termine di ricerca in YouTube, e dai un’occhiata alla barra laterale destra dove vedrai le “Related Queries” (termini collegati) di VidIQ’s oppure su TubeBuddy la sezione “Most Used Tags” (Tag più utilizzati).

    tubebuddy most used tags

    I tag più utilizzati di TubeBuddy

    Seleziona tutte le parole chiave > copia > incolla in Keywords Explorer (supporta fino a 10k parole chiave). Ti mostreremo quindi tutte le parole chiave per le quali abbiamo volumi di ricerca nel nostro database.

    youtube keyword data ahrefs keywords explorer

    I volumi di ricerca sono fantastici, ma il vero potere di Keywords Explorer è nel generare nuove idee di parole chiave.

    Generare nuove idee di parole chiave

    Facciamo finta che tu stia creando un canale dove farai unboxing e recensioni di prodotti tecnologici. Iniziamo quindi con “unboxing” come nostra parola chiave di partenza.

    keywords explorer youtube search 1

    Vai quindi nel rapporto phrase match (corrispondenza a frase), che indica una lista di tutte le parole chiave nel nostro database che contengono quel termine di partenza.

    keywords explorer phrase match report

    A questo punto chiediti di cosa vuoi fare unboxing? Magari telefoni cellulari, console per videogiochi, oppure accessori per macchine fotografiche?

    La cosa notevole è che nessuno cerca “unbox cell phone”. Quando cercano gli unboxing, le persone cercano solitamente termini di ricerca specifici (ad es. “iPhone X unboxing”).

    Restringiamo quindi i nostri risultati utilizzando il filtro “Include” (includi). Aggiungi alcuni marchi produttori, seleziona “any word” (qualsiasi parola), e via.

    keywords explorer filters

    Boom. Più di 7,100 argomenti rilevanti da ordinare.

    keywords explorer phrase match report 1

    Non fermarti qui. Se pensi di fare unboxing di questi prodotti, ti conviene creare un po’ di contenuti aggiuntivi su di essi.

    Cambia la parola chiave di partenza e troverai argomenti aggiuntivi sui quali puoi creare altri video.

    youtube keyword data for nintendo switch

    In fin dei conti: non c’è carenza di ottime idee di parole chiave.

    Se ti sei bloccato, guarda il nostro video sulla ricerca di parole chiave YouTube che va in maggiore dettaglio su questa procedura.

    https://www.youtube.com/watch?v=kAuM2nQb_P8

    Tuffati nei risultati di ricerca Google

    L’hai già sentito prima.

    YouTube è il secondo motore di ricerca più grande. Bla, bla, bla.

    Ma perché non occuparsi del più grande motore di ricerca — Google?

    Nel 2017, GetSTAT ha visto le funzionalità SERP Video crescere del 75,75%.

    pasted image 0 9

    E nel 2019, è difficile utilizzare Google per più di 10 minuti senza vedere un risultato video.

    Ci sono diversi modi per vedere quanto traffico di ricerca organica stanno ricevendo i video.

    1. Cerca su Google la tua parola chiave target

    Inserisci un termine di ricerca in Google dalla tua lista di parole chiave e spera di vedere un video carousel oppure una funzionalità dedicata video SERP.

    video carousel

    Sembra scontato, ma posso scommettere che la maggior parte dei creatori non fanno questa ricerca prima di creare un video. Fai attenzione alla lunghezza dei video e fatti un’idea di che cosa Google vuole mostrare.

    2. Utilizza Content Explorer per cercare video per argomento

    Content Explorer cerca in un database di più di un miliardo di pagine web quelle che menzionano una parola o frase specifica. Ogni risultato viene riportato completo di metriche SEO e social.

    La mia funzionalità preferita in questo strumento è poter utilizzare operatori di ricerca per restringere i tuoi risultati.

    Se vuoi trovare video che sono anche indicizzati in Google, cerca per:

    site:youtube.com inurl:watch title:argomento

    pasted image 0 5

    Quindi metti i risultati in ordine per traffico di ricerca e dovresti ottenere una buona lista di nuovi argomenti sui quali creare nuovi contenuti.

    content explorer youtube unboxing traffic

    PRO TIP

    La pagina dei risultati di ricerca video può cambiare molto velocemente. Di conseguenza vale la pena guardare alla crescita del traffico organico nel tempo.

    Clicca sul pulsante “details” (dettagli) su qualsiasi risultato per analizzare l’andamento del traffico organico.

    google traffic to youtube video

    3. Utilizza Site Explorer e Batch Analysis per scoprire nuove opportunità ad alto traffico

    Cerca la tua parola chiave target in YouTube e copia tutti gli URLs dei video in cima ai risultati.

    pasted image 0

    Puoi utilizzare l’estensione Chrome Scraper per copiare tutti gli URLs nella pagina dei risultati di ricerca.

    Fai click con il pulsante destro del mouse in qualsiasi punto della pagina dei risultati di ricerca e clicca su “scrape similar.”

    A questo punto aggiungi questo snippet di codice come tuo “Selector.”

    //div/div/div/div/h3/a

    Aggiungi quindi questo codice XPath sotto la sezione “columns” (colonne).

    concat('https://www.youtube.com',@href)

    Clicca su “scrape”, e dovresti ottenere una lista come segue.

    scraper youtube

    Quindi incolla tutti gli URL video nello strumento Batch Analysis > scegli la modalità URL > fai partire la ricerca.

    Ordina i risultati per “Traffic,” e dovresti vedere alcune ottime opportunità che hanno il potenziale di ottenere traffico aggiuntivo dalla ricerca Google.

    pasted image 0 6

    Puoi approfondire le parole chiave organiche esatte di ranking del video visitando il rapporto parole chiave organiche.

    pasted image 0 3

    Un’ultima azione che consiglio è dare un’occhiata al grafico del traffico “Overview page” per vedere se un video stia ricevendo traffico in maniera costante da Google, oppure se le parole chiave per le quali è posizionato siano molto volatili.

    pasted image 0 10


    L’intenzione di ricerca (o intenzione della parola chiave) fa riferimento alla ragione per la quale un utente cerca un termine di ricerca in un motore di ricerca.

    Nella maggior parte dei casi, i motori di ricerca sono molto bravi a capirla per te.

    Cerca la parola chiave per la quale vuoi posizionare il tuo video su YouTube e analizza di che cosa parlano i primi 3–5 risultati (come contenuto e come taglio).

    Piuttosto che reinventare la ruota, fai lo stesso.

    PRO TIP

    È meglio fare questo in incognito e idealmente utilizzando una BPN con la posizione geografica per la quale vuoi posizionarti (ad es., Io sono in Canada, quindi utilizzo un indirizzo IP degli USA).

    Per esempio, se vuoi insegnare alle persone come fare un sito internet, allora vorrai probabilmente offrire loro un tutorial  passo-passo.

    YouTube è d’accordo.

    pasted image 0 7

    Ma cosa succede se vuoi posizionarti su “Nintendo Switch games?” YouTube ti dirà che quello che le persone cercano è invece un video di tipo “listicle”.

    pasted image 0 4

    Sembra ovvio, no?

    A questo punto facciamo finta che tu sia un fioraio e che ti voglia posizionare per “viola.” Pessima idea.

    pasted image 0 8

    Tutti i risultati mostrano che chi sta cercando questo termine vuole vedere risultati che riguardano lo strumento musicale — non la pianta o l’attrice (Viola Davis).

    Crea un foglio di calcolo e aggiungi una colonna dal nome, “intenzione di ricerca.” Oppure usa il mio.

    Su YouTube, puoi dedurre la “soddisfazione” dell’utente guardando alla fidelizzazione del pubblico. Ed il risultato di elevata fidelizzazione solitamente sono mi piace, condivisione, commenti, e posizionamento più alto.

    Gli obiettivi di YouTube sono di:

    • aiutare gli utenti a trovare video che vogliono guardare.”
    • massimizzare nel lungo termine la soddisfazione e coinvolgimento degli utenti.”

    Di conseguenza il tuo lavoro è di creare un video che possa coinvolgere e fidelizzare meglio l’attenzione degli utenti.

    Questo è quello che facciamo presso Ahrefs per ottenere tempi di fidelizzazione dei quali siamo orgogliosi.

    average view duration on one of Ahrefs YouTube videos

    Tempo di visualizzazione medio di uno dei nostri video YouTube.

    a) Pianifica i tuoi video prima di crearli

    Sarò il primo ad ammetterlo con entrambe le mie mani alzate.

    Tutti i nostri tutorial settimanali seguono uno script.

    Essendo di natura introverso, non sono stato benedetto dalle capacità naturali di parlare di persone quali Seth Godin, Gary Vaynerchuk e Tony Robbins.

    Ma non ci sono scusanti. Questo non mi ferma dal creare video e non dovrebbe fermare neanche te.

    Se stai creando video “come-fare”, l’ultima cosa che vuoi fare è biascicare le parole, partire per la tangente, e chiedere alle persone di aspettare 3 minuti perché hai cliccato il link sbagliato nel tuo screencast.

    Non solo questo ti permette di mantenere le tue idee sintetiche, ma ti offre il vantaggio di includere intenzionalmente parole chiave nel duo video. Spiegherò meglio questo punto.

    Not only does this allow you to keep your ideas succinct, but it gives you the advantage of intentionally including keywords within your video, which I’ll expand on in a bit.

    E allora come fanno i vloggers?

    Ecco come la mette Casey Neistat:

    La storia è il re. Ogni cosa è in funzione del re… Devi trovare qualcosa nella quale è interessato un pubblico e quindi condividerla con loro in un modo che siano interessati a seguire. L’unico modo per imparare queste cose e migliorare in esse è continuare a farlo più e più volte.”

    https://www.youtube.com/watch?v=nLSUrTxquyE&t=375

    Devi sapere che cosa stai creando, per chi lo stai creando, e per ultimo farlo.

    b) Inizia con un forte hook (incipit, aggancio)

    I primi 10–15 secondi sono critici per il successo del tuo video. Aggancia i tuoi lettori, e avrai grafici di fidelizzazione del pubblico come questo.

    good audience retention

    Tralascia l’incipit e perderai la maggior parte degli utenti prima che tu abbia la possibilità di offrire valore.

    bad audience retention on youtube

    Ogni nicchia è diverse e sfortunatamente, non c’è una formula che funziona per tutti.

    Ad esempio, Mama Natural aggancia immediatamente il suo pubblico di mamme nei primi 2 secondi.

    https://www.youtube.com/watch?v=mLAWLGkYPBg

    Fortunatamente, non mangerò placenta per il nostro canale YouTube, né penso che a SEO e marketer interessi guardare una cosa del genere.

    Essendo nel settore come-fare/informativo per un pubblico B2B, ho dovuto fare test continui per scoprire che cosa funziona per noi.

    Ho suddiviso questo processo in 3 parti principali che chiamo formula RIP. Guarda i primi 30 secondi di questo video e lasciamelo spiegare nei dettagli.

    https://www.youtube.com/watch?v=mEbPSqi92‑k

    1. Riferimento

    Tutti vogliamo essere capiti. Cos’è quindi meglio per catturare l’attenzione di qualcuno se non mostrare che non sono soli?

    Il nostro pubblico YouTube consiste principalmente in marketer ed in particolare con un focus su SEO.

    E in questo spazio, abbiamo tutti avuto la nostra buona parte di domande e difficoltà.

    Ecco alcune cose che ho provato e che hanno funzionato bene:

    • iniziare con una domanda retorica che gli utenti si sono chiesti loro stessi. Anche se non posso vedere chi ci sia dietro lo schermo, il mio obiettivo è di ottenere fisicamente un cenno di approvazione.
    • iniziare con una statistica dove si trovino in una maggioranza negativa.
    • intrattenere con scenari di vita reale e collegarli con l’argomento del video.

    Nell’esempio sopra, ho offerto alcune statistiche per mostrare come il 91% dei contenuti non ottiene alcun traffico da Google. Si tratta della maggioranza. Quindi se ne fai parte… non sentirti male.

    Che tu stia targettizzando un pubblico B2B o B2C, la cosa importante da ricordare che la persona dall’altro lato è un essere umano.

    2. Identifica il problema

    Permettimi di menzionare nuovamente l’intenzione di ricerca. Se qualcuno cerca la tua parola chiave, che cosa vogliono apprendere? La risposta a questa domanda sarà spesso il loro problema.

    Per i nostri video su “errori di SEO”, immagino che vorranno sapere cosa sono questi cosiddetti “errori” e vedere se stanno impattando il traffico del loro sito.

    Ma chiunque potrebbe scorrere il video e trovare questi “errori” in 20 secondi esatti il che non ci aiuta a creare video con alto coinvolgimento.

    Quindi dico esplicitamente:

    Il 95% delle pagine fanno fatica ad ottenere traffico di ricerca significativo e questo può impattare il lavoro della loro azienda per davvero.

    Traduzione: niente traffico = niente lavoro.

    3. Proposta

    In ultimo ma certamente non per importanza, vuoi dare loro una ragione per rimanere. In questa introduzione in particolare, dico:

    Cosa puoi quindi fare per ottenere più traffico organico ed essere nel 5% di tutte le pagine di internet intero? Stai per scoprirlo in questo video.

    Traduzione: guarda questo video se vuoi ottenere traffico. Chi non vorrebbe avere traffico?

    Questo permette agli ascoltatori di sapere che sono nel posto giusto e che potenzialmente risolve un problema che stanno riscontrando. Forse “essere nel 5% di internet intero” è un po’ esagerato, ma è vero (secondo i nostri dati). E ha funzionato.

    Da un punto di vista dell’attenzione, i risultati sono stati abbastanza buoni. In due settimane, abbiamo avuto più di 100.000 minuti di visualizzazione, 28,700 visualizzazioni, e più di 1,400 iscrizioni solo da quel video.

    youtube high engagement video

    Segui la formula RIP, e non dovrai più mettere una pietra sui tuoi video.

    c) Chiedi agli utenti di commentare, fare mi piace, e di iscriversi al canale

    Come ottenere più iscrizioni, mi piace, e commenti? Oltre a creare contenuto che risuona con il tuo pubblico…

    Chiedilo.

    Ognuno di questi permette di aumentare il coinvolgimento del tuo video. In generale, lo chiedo alla fine del video perché voglio prima offrire valore. E se qualcuno resta fino in fondo, vorranno probabilmente più di quello che hanno appena visto.

    Ma la maggior parte degli utenti non guarderanno l’intero video. Quindi puoi chiedere coinvolgimento prima senza suonare troppo pressante.

    Ad esempio, alcuni dei nostri video parlano di argomenti tangenziali (ad es., affiliate marketing). Quindi dirò qualcosa tipo, “Non approfondirò ulteriormente nell’ affiliate marketing, ma lascia un commento se vuoi saperne di più su questo argomento in un video futuro.”

    Non solo domande come questa ti danno più informazioni sul pubblico al quale stai parlando, ma dovrebbe permetterti di aumentare le metriche di coinvolgimento..

    Continuando ad offrire molto valore ai tuoi iscritti, lasceranno commenti come questo:

    youtube comment from fan

    Traduzione:

    Prima fai “mi piace” e poi guarda il video

    Possiamo sempre contare su di te, Rijo

    d) Edita i tuoi video strategicamente

    Se hai visto qualcuno dei nostri videos, potresti sostenere che lo stesso valore potrebbe essere offerto con un semplice screencast.

    Ma questo è lontano da quello che facciamo.

    GIF

    Perché quindi non parlare su uno schermo? O perché non parlare spassionatamente di SEO con la occasionale parolaccia per enfatizzare il mio punto?

    Le persone hanno una bassa soglia di attenzione. Gli screencasts da soli sono noiosi. Aggiungo anche che anche una testa che parla è noiosa a meno che tu non sia un oratore molto coinvolgente.

    Io non lo sono.

    Quindi diventa molto importante editare i video YouTube in maniera appropriata. Questo è come appare il nostro progetto finale per uno dei nostri video:

    video edits for youtube

    Questi sono alcuni suggerimenti per mantenere il flusso dei tuoi video.

    Nota a margine.
     Sto parlando soprattutto in prospettiva di video tutorial “come-fare”, ma immagino che i vlogger possano anch’essi beneficiare di questo.

    1. Aggiungi jump cuts (tagli in asse)

    Un jump cut è una transizione tra due riprese dalla stessa posizione. Crea l’effetto che la scena salti (jump in inglese) da cui il nome “jump cut.”

    GIF

    Queste aggiungono dinamicità al video e aiutano a rendere ordinati gli errori.

    2. Fai attenzione ai buchi nelle tue scene principali

    Abbiamo due “scene” principali nei nostri video. La testa che parla, che è etichettata in verde, e lo screencast, in arancione.

    Gli scarabocchi rosa sono i buchi. Identificare questi buchi può aiutarti a trovare posti dove potrebbe mancare qualcosa.

    video editing gaps

    Per coinvolgere meglio il nostro pubblico, cerchiamo di mantenere i nostri buchi relativamente piccoli riempiendoli con schermate di testo, animazioni personalizzate e b‑roll.

    Ma una cosa importante da notare su questi buchi è di utilizzarli quando ha senso. L’esperienza utente deve venire prima di tutto e se ha senso restare su uno schermo più a lungo, fallo.

    Siccome abbiamo un fantastico editore video, siamo in grado di fare degli esperimenti molto interessanti.

    3.Porta l’attenzione del tuo pubblico su quello che vuoi che vedano

    In tutti i nostri screencast, aggiungiamo effettivi visivi per guidare i tuoi occhi alle sezioni delle quali stiamo parlando.

    Per esempio, se ho detto, “guarda la colonna del traffico,” allora facciamo qualcosa come questo.

    visual effect ahrefs video

    Utenti Ahrefs stagionati potrebbero sapere dove guardare senza questo effetto. Ma qualcuno che non ha mai utilizzato i nostri strumenti potrebbe perdersi perché non ha idea di che cosa io stia parlando.

    Altre volte utilizziamo forme, oggetti o animazioni personalizzate per illustrare meglio il punto.

    Inoltre, aggiungere effetti sonori che accompagnano l’oggetto può aiutare a catturare l’attenzione dell’utente.

    4. Intrattieni con storie o narrativa

    YouTube è una piattaforma di intrattenimento. Ma intrattenere non è sempre facile. Ad esempio, se mi presentassi nudo e parlassi di link building, continueresti a guardare il video?

    Mi auguro di no.

    Quindi il nostro punto principale è di insegnare SEO e marketing, facciamo del nostro meglio per renderlo in qualche modo intrattenente senza che risulti eccessivo.

    In questo esempio, abbiamo creato il video attorno ad un’azienda ipotetica che abbiamo chiamato “Sam PhOHtography.”

    https://www.youtube.com/watch?v=DvwS7cV9GmQ&feature=youtu.be&t=146

    E in questo video su broken link building, parlo di utilizzare un linguaggio naturale, invece che mandare email che suonino robotiche.

    https://www.youtube.com/watch?v=IOSrx95e4lo&feature=youtu.be&t=452

    A prescindere dal settore in cui lavori, sono fiducioso che ci siano modi per rendere i tuoi video più intrattenenti di quello che pensi.

    Aggiungere questi piccoli segmenti focalizzati sul coinvolgimento ci ha aiutato a creare una connessione con il nostro pubblico a livello individuale.

    https://www.youtube.com/watch?v=j5EOWffq-gk

    e) Crea dei cicli di feedback onesto

    La comunicazione onesta all’interno di un team è essenziale. E secondo la mia opinione, questa è la principale ragione per la quale il marketing team di Ahrefs’ è in grado di produrre continuamente ottimo contenuto per il nostro blog e canale YouTube.

    Ecco com’è il nostro ciclo di feedback per la creazione di video.

    1. Feedback sullo script

    Dopo che abbiamo una bozza scritta, 3 dei membri del nostro team, Josh, Nick, e Tim lasciano del feedback. Il feedback può riguardare l’essere d’accordo, in disaccordo, o idee aggiuntive che pensano possano migliorare la qualità del video.

    Metteremo in discussione rispettosa ogni parola e paragrafo che è stato scritto e il creatore farà una decisione finale.

    video feedback loop

    Dopo aver registrato il video, completato le modifiche principali, aggiunte le note di produzione, il nostro video editor darà vita alle mie idee.

    2. Feedback sull’edit dei video

    Revisioniamo il video e se qualcosa non mi sembra a posto, Sergey (il nostro video editor) e io seguiremo un simile processo di feedback che è più focalizzato sugli aspetti visivi e di coinvolgimento.

    video feedback loop 1

    Il concetto principale è che la prima bozza non dovrebbe mai essere l’ultima.

    Trova una persona o più persone alle quali ti puoi affidare per un riscontro onesto. Non è necessario offendersi. Avvicinerà il tuo team (a meno che non si tratti del tuo sposo/a).

    L’ottimizzazione sulla pagina per YouTube riguarda principalmente 4 cose:
    • Titolo
    • Descrizione
    • Tag
    • Miniature dei video

    Ognuna di queste cose aiuta a fornire contesto ai tuoi video e influenza i tassi di click (CTR).

    Dopo tutto, niente clic = niente visualizzazioni.

    Ideare la combinazione perfetta di titolo e miniatura

    Nel Marzo 2018, YouTube ha lanciato Beta Studio, la loro nuova piattaforma di analytics. Una delle nuove metriche che è stata aggiunta è “tasso di click delle impressions.”

    Per enfatizzare l’importanza del CTR, YouTube sta spingendo i creatori ad aumentare il CTR nel flusso di video analytics (per ogni video).

    Puoi aumentare le possibilità che YouTube suggerisca i tuoi contenuti aumentando il tasso di click ed il tempo di visualizzazione dei tuoi video.

    youtube encourages higher click through rates

    Di conseguenza oltre ad ottenere più visualizzazioni video, otterrai il beneficio aggiuntivo che YouTube suggerisce il tuo video al suo pubblico fuori dalla ricerca organica (nelle funzionalità di suggerimento e navigazione).

    Ecco alcune delle migliori pratiche per creare video ricercabili e cliccabili, secondo YouTube.

    1. Utilizza la tua parola chiave nel titolo

    Quando si tratta di parole chiave, il suggerimento di YouTube è di utilizzare i termini di ricerca più rilevanti nei tuoi titoli e descrizioni—purché siano accurati e non eccessivi.

    Uno studio di Briggsby conferma il beneficio che hanno le parole chiave target nel tuo titolo. Hanno riscontrato che più del 90% dei video in cima al ranking includono almeno parte della parola chiave target nel titolo.

    pasted image 0 11

    Anche se sembra importante includere almeno una corrispondenza parziale della tua parola chiave target nel tuo titolo, non vuoi sacrificare il “valore di clic” di esso.

    2. Mantieni i tuoi titoli sotto i 60 caratteri

    YouTube consiglia di utilizzare titoli concisi che iniziano con le informazioni più importanti.

    Da un punto di vista di ricerca, questo spesso vuol dire utilizzare la parola chiave target vicino all’inizio del tuo titolo. Questo è un esempio:

    Errori SEO: Perché il 91% dei Contenuti Non Ottiene Alcun Traffico Organico”

    Mantenere titoli corti previene il rischio di perdere clic a causa di titoli tagliati nella ricerca e funzionalità di video suggeriti e di navigazione.

    truncated title in suggested video

    Non tutti i nostri video hanno titoli sotto i 60 caratteri, ma conto di aggiornarli con il passare del tempo.

    3. Scrivi titoli attraenti che invocano curiosità o che sottolineano un beneficio

    Se tu stessi creando un tutorial su come annodare una cravatta, un titolo ricco di parole chiave potrebbe essere “come annodare una cravatta”. Ma questo non è per niente interessante.

    Ci sono molti altri tagli migliori che puoi utilizzare:

    • Come annodare una cravatta con la “tecnica 007”
    • Come annodare una cravatta in 11 secondi piani
    • Mio figlio di 3 anni ti insegna ad annodare una cravatta

    Il punto è che titoli noiosi hanno più difficoltà a distinguersi in un orizzonte competitivo.

    4. Crea una miniatura che completa il tuo titolo

    Le miniature sono solitamente la prima cosa che guardi prima di cliccare su di un video. Secondo me è la parte più difficile da realizzare bene in maniera consistente.

    Questa è la miniatura per il nostro video di errori di SEO:

    thumbnail complementing title on yotuube

    Il testo della miniatura descrive il video in quanto il 91% è la maggioranza.

    E se guardi da vicino, c’è un’immagine dei numeri di pagina di Google con la terza parte con un cerchio che dice, “tu sei qui.”

    Puoi anche ottenere ispirazione da cose intorno a te ed utilizzare la tua immaginazione che dicono verità innegabili. Qui trovi la miniatura del nostro video, “quanto tempo ci vuole per avere rank su Google:”

    pasted image 0 2

    E se sei bloccato, prova ad ottenere idee da Google Immagini o da foto di stock. Una ricerca su Adobe Stock per la parola “system” mostra queste foto.

    System photos royalty free images graphics vectors videos Adobe Stock

    E la nostra miniatura per sistemi di link building utilizza un’idea simile (ma molto migliore).

    link building system thumbnail

    Scrivi descrizioni ricercabili

    YouTube dice che utilizzare la parola chiave “giusta” può aumentare le visualizzazioni ed il tempo di visualizzazione perché aiuta il tuo video ad apparire nei risultati di ricerca.

    Nello stesso studio di Briggsby, hanno trovato che il 75% dei primi 20 risultati utilizzano una variante a corrispondenza larga nel testo della descrizione.

    pasted image 0 1

    Ma quali sono le parole chiave “giuste”?

    Per iniziare, includiamo la nostra parola chiave target sia nel titolo che nella descrizione. Includiamo quindi anche altre parole chiave rilevanti.

    Trova parole chiave rilevanti da video concorrenti

    Clicca su alcuni dei video in cima al ranking per la tua parola chiave target e leggi le loro descrizioni.

    Cerca parole chiave comuni che vengono utilizzate più volte nei testi delle loro descrizioni. In molti casi, i creatori si dimenticano delle descrizioni. Se questo è il caso, considerala una piccola, ma potenziale opportunità per superarli nel ranking.

    Utilizza uno strumento di ricerca di parole chiave

    Mi rendo conto di aver detto che utilizzare dati di parole chiave provenienti da Google sia una cattiva idea. Ma lo dicevo a proposito di fare ricerca di argomento, che dovrebbe essere stata conclusa a questo punto.

    Infatti, YouTube a questo stadio consiglia strumenti quali Google Trends o Google Keyword Planner.

    Piuttosto che utilizzare idee di parole chiave provenienti da GKP, io utilizzo il rapporto sulle parole chiave organiche in Site Explorer.

    Ecco come puoi farlo anche tu:

    1. Cerca la tua parola chiave target in Google.
    2. Copia e incolla i primi URL nel Site Explorer.
    3. Vai al rapporto su “Organic Keywords” (Parole Chiave Organiche) nella barra laterale di navigazione, che mostra tutte le parole chiave per le quali questa pagina ha ranking.

    Da qui si tratta di scorrere il rapporto delle parole chiave e selezionare sottoargomenti e altre frasi che sono rilevanti per il tuo video.

    Ma non è necessario riempire la descrizione di parole chiave. Utilizza quello che ha senso.

    organic keywords report in ahrefs

    Un esempio dello screenshot qui sopra è di focalizzarsi su annodare la cravatta con un nodo windsor.

    Personalmente, ho trovato che le descrizioni più lunghe funzionano meglio in quanto offre più contesto a YouTube sui contenuti del tuo video. Ma utilizza descrizioni lunghe quanto basta piuttosto che cercare di riempirle di parole chiave.

    Tag

    I tag sono un altro modo per offrire contesto sui tuoi video, il che può aiutarti a migliorare il rank nella ricerca Youtube e nella funzionalità video suggeriti.

    YouTube sintetizza questo passaggio consigliando di aggiungere parole chiave e frasi che sono le più descrittive del tuo video.

    Siccome hai già fatto la tua ricerca di parole chiave e ottimizzato il tuo titolo e descrizione attorno queste parole chiave, dovrebbe essere abbastanza facile.

    Puoi anche utilizzare strumenti quali VidIQ o TubeBuddy per vedere i tag di video concorrenti.

    vidiq tags

    Cerca tag in comune con video concorrenti e aggiungi questi tag al tuo video se ha senso farlo.

    Creare il video è l’80% del lavoro. Ci sono ottimizzazioni addizionali che puoi fare per migliorare il tasso di fidelizzazione e creare una migliore esperienza di utilizzo per i tuoi ascoltatori.

    1. Trascrizioni / Sottotitoli

    Molti creatori, incluso me stesso, sono convinti che YouTube legga i file dei sottotitoli per meglio capire il contesto dei video.

    YouTube automaticamente crea un file di trascrizione e fa un lavoro abbastanza buono a catturare la maggior parte delle parole. Ma non è perfetto (HFS = Ahrefs).

    YouTube

    I tuoi ascoltatori probabilmente vengono da tutto il mondo e la lingua che parli potrebbe non essere la loro lingua madre.

    Se hai redatto uno script per i tuoi video, allora questa parte è molto facile.

    A partire dalla tua pagina dei video, clicca sul video che vuoi editare. Quindi seleziona la scheda “Subtitles/CC” (Sottotitoli).

    YouTube 4

    Since I often go off script, I recommend using the “Transcribe and auto-sync” option.

    YouTube 3

    Ora si tratta solamente di incollare il tuo script e controllare che tutte le parole scritte corrispondano a quelle parlate nel video.

    Dopo aver inviato il file, YouTube in automatico mette in sincronia lo script con la tua voce. Per restare tranquilli, consiglio di guardare il video un ultima volta per assicurarti di aver fatto tutto correttamente.

    In base ai dati degli ultimi 90 giorni, 16.4% delle visualizzazioni hanno utilizzato i nostri sottotitoli in Inglese.

    youtube subtitle stats

    2. Schede

    Le schede YouTube sono una funzionalità interattiva che invita gli utenti ad eseguire una di queste cinque azioni:

    1. Guardare un altro video o playlist
    2. Scoprire un altro canale YouTube
    3. Donare ad un’azienda no profit
    4. Rispondere ad un questionare
    5. Visitare un link esterno

    Seleziona il tipo di scheda che vuoi utilizzare > scegli un’opzione adeguata (ad es., video o playlist) > seleziona il timecode al quale vuoi che venga eseguita.

    YouTube 5

    Quando un ascoltatore raggiunge quel timecode, il titolo del video apparirà dentro come suggerimento. Quando un utente clicca sull’icona di informazioni, possono scegliere di guardare il video suggerito.

    youtube card example

    Piuttosto che riempire il maggior numero più alto possibile di schede, aggiungi schede rilevanti dove un utente potrebbe voler saperne di più su di un sottoargomento o prima di punti di caduta elevati (ad es., prima della fine del video).

    3. Schermata di fine video

    Le schermate finali sono simili alle schede. L’obiettivo è di mantenere gli ascoltatori sulla piattaforma YouTube.

    Intravedi un modello che si ripete? 🙂

    Per il nostro canale abbiamo un pulsante di iscrizione al canale così come un video suggerito che l’ascoltatore potrebbe voler guardare subito dopo.

    YouTube 2

    Questo può aiutarti ad ottenere più iscrizioni e fare sì che gli ascoltatori consumino più contenuti.

    Nota a margine.
    La schermata finale deve essere inserita nel tuo processo di video editing. Per la nostra schermata finale, sia il cerchio iscriviti che “video seguente” sono vuoti. Quando aggiungi un elemento dello schermo, riempirà automaticamente queste sezioni. Il cerchio iscriviti deve essere 196 x 196 px e il rettangolo del video o playlist è di 410px x 230px. Qua trovi un modello gratuito che puoi scaricare.
    Le prime 24–48 ore dopo aver pubblicato possono fare o disfare il tuo video. Questo è il momento in cui viene testato tutto il duro lavoro che hai svolto.

    Infatti, spesso vedrai già entro il primo giorno se il tuo video appare nella prima pagina di YouTube per il tuo termine di ricerca target..

    Ecco alcuni suggerimenti per promuovere i tuoi video durante i primi due giorni.

    Trova il momento giusto per pubblicare il tuo video

    Il miglior orario è quando il tuo pubblico sta guardando video. Puoi identificare momenti di picco nei tuoi rapporti in tempo reale.

    Anche se questo cambia un giorno con l’altro, ci sono spesso delle indicazioni chiare che puoi notare.

    Ad esempio, istintivamente ho pensato che il miglior orario per pubblicare i nostri video fosse un giorno settimanale intorno a mezzogiorno.

    Dopo aver monitorato i nostri analytics in tempo reale per una settimana, ho trovato che le nostre visualizzazioni raggiungono un picco intorno alle 10:00 — 11:00 AM EST.

    youtube studio real time analytics

    Ma se guardi gli spazi di un’ora prima del picco (8:00–9:00 e 9:00–10:00), i numeri di visualizzazioni sono quasi le stesse del picco.

    Di conseguenza abbiamo iniziato a pubblicare alle 7:30 AM EST, che ci sembra funzionare bene.

    Pubblicare al “miglior” orario ti offre l’opportunità di massimizzare le visualizzazioni.

    Se non hai già costruito un numero sostanziale di visualizzazioni giornaliere. Puoi provare a seguire questi orari generici, offerti da Frederator Networks.

    Concentrati a costruire il tuo pubblico e fare aggiustamenti ai tuoi orari di pubblicazione finché non arrivi a raccogliere i dati del tuo pubblico.

    Rispondi ai commenti/coinvolgi

    YouTube è una piattaforma sociale, il che vuol dire che devi cercare di socializzare

    Per la prima settimana circa, cerca di rispondere a tutti i nuovi commenti che le persone hanno lasciato e lascia “cuori” per mostrare il tuo apprezzamento ai tuoi commentatori.

    hearts to comments

    Traduzione:

    Sam, sei un grande, troppo eloquente e sai di cosa parli

    Grazie, Bola 🙂

    YouTube ha trovato che gli ascoltatori che ricevono un cuore cliccano 3 volte più facilmente a questa notifica rispetto ad altri tipo di notifiche.

    Noi rispondiamo a quasi tutti i commenti a prescindere da quando sia stato pubblicato il video.

    Promuovi al tuo pubblico esistente

    Hai un grande, newsletter, o canali social media? Cerca di utilizzarli per promuovere i tuoi nuovi video YouTube.

    Newsletter

    Nelle prime 48 ore, manda un’email ai tuoi iscritti per dire loro del tuo nuovo video.

    Presso Ahrefs, pubblichiamo i nostri video settimanali il Mercoledì e mandiamo una notifica in-app entro poche ore per promuovere i nostri video senza creare troppi disagi ai nostri clienti.

    in app notification

    Il Giovedì mandiamo un’email agli iscritti al nostro blog con un link al nostro blog e video più recenti.

    newsletter promotion

    Social media

    I video nativi non hanno funzionato particolarmente bene per noi sui social media da un punto di vista di coinvolgimento. E ha senso quando ci pensi dal punto di vista dell’intenzione di piattaforma.

    Non so cosa ne pensi, ma non mi collego a Twitter per guardare un video di 13 minuti su link building.

    Su Twitter, twittiamo i nuovi video ai nostri followers il giorno stesso entro poche ore da quando sono stati pubblicati.

    Su Facebook, pubblichiamo ancora video nativi interi, ma mettiamo anche qualche link ai video del nostro canale YouTube.

    In alternativa, puoi pubblicare brevi snippets dei tuoi video su Facebook come teaser e mettere il link al video intero.

    Come promuovere i tuoi video quando non hai un pubblico esistente

    Se non hai un pubblico esistente, dovrai lavorare ancora più duramente.

    Ecco alcune cose che puoi fare.

    1. Aggiungi embed video alle tue risposte su Quora

    Quora è un famoso forum di domande e risposte. E aggiungere contenuti in forma lunga non è insolito in questo social network.

    Il processo è questo.

    Trova una domanda alla quale rispondere > offri la migliore risposta che puoi > metti un embed al tuo video in supporto al tuo contenuto.

    Puoi cercare domande utilizzare la ricerca nativa di Quora o se vuoi una metodologia più basata su dati per trovare domande popolari, allora utilizza i rapporti sulle parole chiave organiche in Site Explorer utilizzando come target Quora.

    quoras organic keyword results

    Utilizza quindi la casella di ricerca per cercare una parola chiave generica che è collegata al tuo video. Assicurati di impostare il filtro in modo da cercare solo all’interno delle parole chiave per avere risultati più rilevanti.

    organic keywords quora filter fashion

    Pubblica un contenuto pensato bene che risponde alla domanda ed inserisci l’embed al video nella tua risposta.

    2. Collaborazioni

    Le collaborazioni su YouTube sono un ottimo modo per ottenere nuovi iscritti rilevanti in maniera veloce. Se sei bravo in quello che insegni, vale la pena chiudere relazioni con YouTubers nel tuo settore con un pubblico simile.

    La collaborazione tipica funziona in questo modo.

    Trova un canale simile, non concorrente > chiedi di collaborare > crea un video per entrambe i canali > consiglia al tuo pubblico il canale del tuo partner.

    Ma se non hai un pubblico esistente, potrebbe essere difficile convincerli a permettere di creare contenuti per il loro canale.

    La soluzione? Sii creativo.

    Questo è un esempio ipotetico per aiutarti ad essere creativo.

    Diciamo che tu stia creando un canale su come riparare oggetti elettronici. Potresti contattare un canale di tecnologia YouTube popolare ed offrire loro contenuti su una revisione degli ultimi iPhone rilasciati ieri.

    Anche se non puoi mandare loro visualizzazioni o iscrizioni, puoi offrire loro un contenuto unico che potrebbe funzionare particolarmente bene per il loro canale. Loro hanno un pubblico, tu hai le capacità tecniche per fare il contenuto.

    Qualunque sia il tuo pitch, hai bisogno di una leva dove il beneficio è focalizzato su di loro.

    3. Paga per annunci YouTube

    Non hai un pubblico? Compralo.

    Al momento gli annunci YouTube sono abbastanza economico. Puoi fare targeting in base ad interessi, parole chiave o pubblico personalizzato (ad es. traffico web).

    Se hai un ottimo video, imposta degli annunci di ricerca basati sulla tua parola chiave target con l’intenzione di ottenere la loro sottoscrizione.

    Come cresce la tua base di iscritti, inizieranno ad essere notificati dei tuoi video futuri accelerando la tua crescita senza rompere il salvadanaio.

    Non puoi editare il video una volta che è stato pubblicato o reindirizzarlo come faresti con un blog post.

    Fa schifo, ma… è così per tutti.

    La tua occasione migliore è ottenere dati dai tuoi video pubblicati e capire che cosa produce alto coinvolgimento.

    Si fa così:

    Analizza i tuoi grafici di fidelizzazione del pubblico

    Vai in YouTube Analytics > seleziona un video che vuoi ottimizzare > fidelizzazione del pubblico.

    youtube studio audience retention

    Vedrai la durata di visualizzazione media, percentuale visualizzata, e cliccando sul grafico ti mostrerà il grafico di fidelizzazione per quel video.

    audience retention graph

    Rapporto fidelizzazione del pubblico

    Questo grafico cattura tutte le visualizzazioni per ogni secondo guardato del video. Mostra quindi una curva di fidelizzazione mostrando le percentuali sul grafico.

    Puoi utilizzare la fidelizzazione per identificare parti popolari del tuo video. Se hai fatto un buon lavoro a coinvolgere gli utenti, vedrai una curva graduale. Inoltre, noterai dei piccoli bernoccoli nel grafico che alcuni creatori considerano come “Vero coinvolgimento.”

    true engagement

    Si tratta di una buona cosa.

    Clicca su uno qualsiasi di questi “bernoccoli” e salta alla parte dove le persone sono maggiormente coinvolte. Cerca di decifrare perché molte persone hanno guardato questa parte o l’hanno guardata di nuovo.

    Per esempio, questo bernoccolo di coinvolgimento è successo perché le persone sono interessate all’operatore di ricerca Google che stavo usando.

    audience retention analysis

    Impara da questi suggerimenti ed usali per identificare come rendere più coinvolgenti i tuoi video futuri.

    Puoi anche guardare i punti con grosse cadute. Analizza perché le persone se ne stanno andando e aggiungi schede YouTube in questi punti.

    audience retention drops

    Guardando al grafico qui sopra, devo lavorare di più alla mia introduzione. Posso anche aggiungere un paio di schede al video. Sicuramente dovrei aggiungerne una alla fine e magari una in mezzo. Fatto e fatto.

    YouTube 1

    Verifica che hai soddisfatto l’intenzione di ricerca

    In YouTube studio, puoi vedere la durata media di visualizzazione per tutte le parole chiave per le quali hai ranking.

    Beta Studio > Seleziona il tuo video > analytics > scheda copertura video > Fonte di traffico: ricerca YouTube

    Se un termine di ricerca ha prodotto un’elevata durata media di visualizzazione, ottimo.

    youtube keyword analytics

    Fai un video così così e le statistiche non mentiranno.

    bad audience retention

    Fai un paragone di questi numeri rispetto alla durata media di visualizzazione dei tuoi video e la percentuale vista per farti un’idea se stai andando nella direzione giusta.

    Se stai producendo video a basso coinvolgimento ma vuoi apparire in alto per quella parola chiave. Potresti voler rifare il video provando un nuovo taglio.

    Il tempo di visualizzazione di sessione è il tempo totale che un ascoltatore spende guardando video su YouTube senza lasciare la piattaforma.

    Perché è importante? A partire dal 2012, è diventato un fattore di ranking.

    Abbiamo iniziato ad aggiustare il ranking dei video nella ricerca YouTube per compensare video coinvolgenti che fanno sì che gli utenti continuino a guardare. […] I risultati dell’esperimento di questo cambiamento sono risultati positivi — meno clic, più tempo a guardare video. […] Così come con ottimizzazioni precedenti alle nostre funzionalità di scoperta, questo potrebbe beneficiare il tuo canale se i tuoi video portano a maggiore tempo di visualizzazione su YouTube.

    Ci sono due benefici principali ad aumentare il tempo di sessione:

    1. Fare sì che gli ascoltatori guardino i tuoi contenuti più a lungo.
    2. Il tuo intero canale riceverà più suggerimenti e visualizzazioni .

    Ho già parlato dell’utilizzo di come schede e schermate finali hanno aiutato il canale Ahrefs a crescere.

    Ecco alcuni modi per aumentare il tempo di sessione.

    1. Creare una serie

    Hai mai cercato qualcosa su YouTube, guardato un video di un creatore che non hai mai sentito prima e guardato immediatamente l’intera seria in stile binge watching?

    Pensa a #AskGaryVee oppure i 490 episodi del Vlog di Casey Neistat’s

    Quando ho iniziato a creare video per Ahrefs, abbiamo creato diverse serie su come usare Ahrefs per ricerca di parole chiave e link building.

    I primi due sono stati molto utili per formare i nostri clienti nella nostra serie Marketing con Ahrefs.

    Alcuni mesi fa, ho creato una breve serie su WordPress SEO, che è ancora al #1 su YouTube nel momento in cui ho scritto questo post. Attribuisco parte di questo successo ad avere un più alto tempo di sessione rispetto ai nostri concorrenti per questa parola chiave.

    rank 1 on youtube

    Per aumentare il tempo di sessione utilizzando una serie, aggiungi un video ed un elemento sullo schermo che punti al video dell’episodio successivo e utilizza una scheda che punta allo stesso video prima che gli ascoltatori se ne vadano.

    endscreen series

    Ora leggi la parte successiva perché è qui che succede la magia.

    2. Usa playlists di serie

    Una playlist è una lista di video che viene mostrata nell’ordine in cui sono stati definiti.

    Una playlist di serie è tutto quanto sopra ma è anche un modo per il creatore per dire a YouTube che il tuo gruppo di video è anche una lista “ufficiale” di video. Pensa a come Netflix fa la stessa cosa con le stagioni e gli episodi dei tuoi programmi preferiti.

    netflix punisher series

    Utilizzare playlist di serie aiuta YouTube a capire quali video vadano suggeriti dopo, aumentando le probabilità di avere una posizione nella funzionalità “video successivo.

    youtube suggested video

    Se hai fatto una scheda, schermata finale e playlist di serie, dovresti avere tre posti in cui il tuo video successivo viene consigliato agli ascoltatori.

    3. Utilizza il trucco della pagina del mio canale

    La pagina del tuo canale sarà probabilmente una delle tue pagine più visualizzati. Quindi vale la pena ottimizzarla.

    Il senso comune ti direbbe di includere le cose più importanti in alto. Ed è quello che ho fatto.

    Video consigliati

    Molti creatori suggeriscono di utilizzare un trailer del canale. Lo abbiamo provato e non ha funzionato. Invece, utilizziamo il nostro video su ottimizzazione in pagina.

    youtube channel featured video

    Non ci interessa più di tanto essere posizionati bene per la parola chiave, “on-page optimization,” ma i nostri analytics ci suggeriscono che un tasso di “iscrizione per visualizzazione” molto alto. In particolare, è rilevante per il pubblico che vogliamo attrarre — specialisti di SEO.

    E avere più iscritti rilevanti vuole dire più persone che vengono notificate e che guardano i nostri nuovi video.

    Per trovare video che stanno ottenendo iscrizioni già oggi, vai su YouTube Analytics > Costruisci un pubblico > Clicca sul grafico principale.

    Quindi scegli un video che produce un alto tasso di iscritti su visualizzazioni uniche.

    videos that get subscribers

    Prima di scegliere un video che rappresenti il tuo canale, è importante spendere altri 10 minuti per approfondire i tuoi rapporti di visualizzazione e trovare il giusto rapporto tra iscritti e tassi di fidelizzazione.

    Aggiungi una playlist

    Il tuo canale sarà diverso dal nostro. Ma sia tu che io abbiamo lo stesso obiettivo.

    Mantenere gli ascoltatori il più a lungo possibile.

    Quando personalizzi il tuo canale, hai diverse opzioni che puoi aggiungere (playlist, singoli video, video popolari, etc.). Ho scelto di utilizzare una singola playlist di quello che sembra apparire apparentemente a caso.

    ahrefs channel page

    Ma non è per niente a caso. I primi quattro video che vedrai sono:

    • Parte 1: serie su Link building
    • Parte 1: serie su WordPress SEO
    • Parte 1: Serie su ricerca di parole chiave
    • Parte 2: Serie su ricerca di parole chiave

    Se non l’hai ancora capito, ognuno di questi video è il primo video di una delle nostre serie, a parte l’ultimo video perché non abbiamo una quarta serie (non ancora).

    Ognuno di questi video appartiene ad una “playlist di serie”, il che vuol dire che diamo la possibilità ai nostri ascoltatori di scegliere l’argomento e YouTube farà i suggerimenti. Questo è quello che succede quando clicchi su uno di questi video.

    up next playlist youtube

    A prescindere da quale video clicchi, aumenta la probabilità di fare sì che gli ascoltatori vedano anche il resto della serie.

    Anche se YouTube non mostra una metrica di “tempo di visualizzazione di sessione”, sono sicuro che contribuisce ad aumentare il tempo medio totale.

    Conclusioni

    YouTube SEO da un punto di vista tecnico è facile. Devi ottimizzare i titoli, le descrizioni, ed i tag.

    Aggiungi schede rilevanti, schermate finali o link di descrizione e sei a posto.

    Ma la parte più difficile di video SEO è coinvolgere il tuo pubblico.

    Prendi questi processi e suggerimenti e concentra la tua attenzione su questi tre concetti: intrattenimento, coinvolgimento, ranking.

    Tradot­to da Mar­co Viap­pi­ani, con­sulente di mar­ket­ing dig­i­tale.