Come Segnalare il Tuo sito ai Motori di Ricerca nel 2021

Avatar
Head of Content @ Ahrefs (o, in parole povere, sono la persona che fa sì che ogni articolo pubblicato sul nostro blog sia EPICO).
Statistiche dell'articolo
  • Siti linkanti 2
Dati dal Content Explorer

Mostra quanti siti web stanno linkando a questo contenuto. Come regola generale, più sono i siti che ti linkano, più in alto ti posizionerai su Google.

Mostra la stima del traffico organico mensile di questo articolo in base ai dati di Ahrefs. Il traffico organico reale (come mostrato da Google Analytics) è solitamente maggiore di 3-5 volte.

Il numero di volte che questo articolo è stato condiviso su Twitter.

    Se i motori di ricerca non sono a conoscenza dell’esistenza del tuo sito, le tue possibilità di posizionarti non sono solo improbabili, quanto impossibili.

    Ma è ancora necessario segnalare il tuo sito ai motori di ricerca nel 2021?

    Ecco cosa imparerai in questa guida:

    Probabilmente no, ma più aiutarli a scoprirne l’esistenza più velocemente.

    Google e altri motori di ricerca non si affidano agli invii manuali. Il loro principale metodo per scoprire nuovi siti e pagine è attraverso la scansione, o crawling.Questo è il processo per il quale alcuni programmi verificano continuamente i siti di cui sono a conoscenza alla ricerca di link verso nuovi contenuti. Tutto quello che viene trovato ed è reputato utile viene aggiunto al loro indice.

    Nota a margine.
     Matt Cutts ha spiegato cos’è e come funziona il crawling in questo video.

    Per farla breve, i motori di ricerca sono probabilmente in grado di trovare il tuo sito in maniera autonoma.

    Ma ecco alcuni lati positivi dell’invio manuale:

    1. Meglio prevenire che curare. Ci vuole poco a segnalare il tuo sito, quindi perché rischiare che i motori di ricerca non lo trovino?
    2. Fornisci informazioni. Tieni i motori di ricerca aggiornati rispetto alle modifiche che apporti ai tuoi contenuti.
    3. Migliora il tuo sito. Inviando il tuo sito a Google e Bing, ottieni accesso a degli strumenti gratuiti che possono aiutarti a migliorare il tuo sito.

    Google e Bing hanno entrambi chiuso i propri strumenti per segnalare manualmente i siti nel 2018. Ora l’unico modo per segnalare il tuo sito a questi motori di ricerca è attraverso l’invio di una sitemap. Per altri motori di ricerca come DuckDuckGo e Yahoo, non è necessario segnalare nulla.

    Solitamente la tua sitemap si trova su una di queste URL:

    iltuosito.com/sitemap.xml

    iltuosito.com/sitemap_index.xml

    La sitemap del blog di Ahrefs.

    Se non riesci a trovare lì la tua sitemap, prova a verificare all’interno del file robots.txt, all’indirizzo iltuosito.com/robots.txt. La maggior parte dei siti infatti, inserisci l’indirizzo della propria sitemap al suo interno.

    Se non la trovi nemmeno in questo modo, è molto probabile che tu non abbia una sitemap. Dovrai crearne una prima di continuare.

    Ora che ci siamo tolti questo pensiero…

    Ecco i metodi ufficiali per segnalare il tuo sito ai motori di ricerca:

    Come segnalare il tuo sito a Google

    Effettua il login all’interno di Google Search Console, clicca su “Sitemap” nel menù a sinistra, incolla la URL della tua Sitemap e premi poi ‘Invia’.

    Nota a margine.
     Devi aver aggiunto e verificato il tuo sito web all’interno di Google Search Console per fare ciò. Segui questa guida se non lo hai ancora fatto.

    Se hai più di una sitemap, ripeti il processo.

    Lettura consigliata: Come Segnalare il Tuo Sito a Google nel 2021

    Vuoi segnalare solo una singola pagina a Google?

    Incolla la URL all’interno dello strumento di ispezione delle URL in Search Console.

    Se la pagina non è indicizzata, vedrai l’avviso “La pagina non è su Google”.  Premi “Richiesta indicizzazione” per chiedere a Google di scansionare e indicizzare la pagina.

    Se è indicizzata, vedrai il messaggio di conferma “L’URL si trova su Google”.

    Se la URL si trova su Google, non devi fare nulla. È però una buona pratica quella di richiedere nuovamente l’indicizzazione dopo aver aggiornato e ripubblicato un contenuto, in quanto potrebbe aiutare Google e riscansionere e re-indicizzare la pagina più velocemente.

    Come segnalare il tuo sito a Bing

    Effettua il login all’interno di Bing Webmaster Tools, seleziona Sitemaps dal menù a sinistra, incolla la url della tua sitemap e premi ‘Invia Sitemap’.

    Se hai più di una sitemap, ripeti il processo per ognuna di queste.

    Come segnalare il tuo sito a Yahoo

    L’indice di Yahoo è basato su quello di Bing. Inviando il tuo sito a Bing, questo verrà automaticamente inviato anche a Yahoo. Non devi quindi fare nulla.

    Come segnalare il tuo sito a DuckDuckGo

    DuckDuckGo non consente di segnalare il proprio sito. Scoprono e indicizzano i siti a partire da oltre quattrocento fonti, incluso DuckDuckBot (il loro web crawler), Wikipedia, Bing, e altri partner.

    Non devi fare nulla nemmeno in questo caso, se non segnalare il tuo sito a Bing.

    Come segnalare il tuo sito a Baidu

    Devi segnalare il tuo sito a Baidu solo se hai intenzione di intercettare le persone che vivono in Cina, dove Baidu ha oltre il 66% di quota di mercato. Dato che il processo è piuttosto contorto, non lo discuteremo in questo articolo. Ma puoi leggere questa eccellente guida alla segnalazione dei siti a Baidu se ti dovesse servire.

    Molte guide che trattano il tema, consigliano di verificare l’indicizzazione di un sito cercando su Google site:iltuosito.com. Questo non è però un metodo affidabile in quanto non verifica in maniera specifica siti e pagine. Utilizzare gli strumenti forniti dagli stessi motori di ricerca è l’unico metodo affidabile per verificare l’indicizzazione di un sito.

    Per Google, analizza il rapporto chiamato Copertura all’interno di Search Console, seleziona la scheda ‘Valide’ e poi fai click su una delle liste fornite per vedere i dettagli delle URL indicizzate.

    Se vuoi verificare una specifica URL, utilizza lo strumento per l’ispezione delle URL.

    Per Bing, puoi utilizzare il loro Site Explorer e filtrare per far sì che mostri solo le URL indicizzate. In questo modo puoi vedere tutte le pagine del tuo sito che sono state correttamente indicizzate. Per verificare una singola pagina, puoi anche in questo caso utilizzare lo specifico strumento per l’ispezione delle URL

    Se il tuo sito o la tua pagina non sono indicizzati, il primo passo è nel capirne il motivo. Non puoi sperare di sistemare il problema a meno che tu non capisca cosa sia andato storto.

    Per farlo, inserisci la URL della pagina interessata all’interno dello strumento per l’ispezione delle URL di Google, e analizza eventuali errori di copertura.

    Ecco alcuni tipi errori mostrati dalla Search Console, ed il loro significato:

    • Escluso in base al tag ‘noindex’. Google non può indicizzare la pagina in quanto è presente un meta tag robots noindex. Rimuovilo dalla pagina e dovresti risolvere il problema.
    • Bloccato da robots.txt. Google non può scansionare la pagina perchè è bloccata da robots.txt. Rimuovi il blocco per farla indicizzare.
    • Pagina con redirect. Google non indicizza le pagine contenenti un redirect, rimuovilo se la pagina non dovrebbe reindirizzare ad un’altra.
    • Pagina alternativa con tag canonical appropriato. Google crede che la pagina sia un contenuto duplicato e ha deciso di indicizzare quella che crede sia invece la sua versione canonica. Solitamente, questo non è un problema, ma dovresti analizzare la questione più a fondo se credi che la pagina dovrebbe essere indicizzata.
    Nota a margine.
    Puoi trovare una lista completa di tutti gli errori e gli avvisi del report Copertura qui.

    Lettura consigliata: 10 Metodi per Indicizzare il tuo sito su Google (Che Funzionano Veramente)

    La maggior parte delle ricerche condotte su Google restituisce centinaia di migliaia di risultati. Ma secondo questo studio, quasi nessuno va mai oltre la prima pagina.

    Pochi di quelli che ricercano su Google raggiungono la seconda o le successive pagine

    Numero di click

    Posizione

    Per questo motivo, semplicemente far indicizzare il tuo sito non è abbastanza. Se vuoi ottenere traffico dai motori di ricerca, devi posizionarti in prima pagina per le parole chiave di tuo interesse.

    Come? Non è semplicissimo, ma ecco una panoramica del processo:

    https://www.youtube.com/watch?v=FUYAe5ROeP0

    Lettura consigliata: Come Posizionarsi in Prima Pagina su Google [Guida Interattiva]

    Ad ogni modo, anche finire sulla prima pagina non è abbastanza se vuoi ottenere molto traffico, in quanto la maggior parte delle persone fa click solo su uno dei primi tre risultati.:

    I primi 3 risultati ottengono il 75,1% di tutti i click

    75,1% di tutti i click

    E la maggior parte di queste fa click addirittura solo sul primo risultato:

    Dettaglio del CTR per posizione su Google

    Posizione

    CTR

    Quindi, il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di posizionarti in alto per le parole chiave alle quali sei interessato.

    Ecco il procedimento:

    https://www.youtube.com/watch?v=Rm1MbJneLSI

    Lettura consigliata: Come Posizionarsi in Cima a Google [in 6 Semplici Mosse]

    Conclusione

    Google e Bing saranno probabilmente in grado di trovare il tuo sito anche se non lo invii. Stessa cosa per il resto dei motori di ricerca. Vale comunque la pena segnalare il tuo sito manualmente, anche solo per fornire loro un po’ di informazioni extra. 

    Vale anche la pena ri-segnalare le pagine web una volta che le aggiorni o le modifichi.

    Mi sono dimenticato di dire qualcosa? Scrivimi su Twitter.

    • Siti linkanti 2
    Dati dal Content Explorer