Quanto Lunghi Dovrebbero Essere gli Articoli Blog? La ‘Verità” Sulla Lunghezza Dei Contenuti

Avatar
Head of Content @ Ahrefs (o, in parole povere, sono la persona che fa sì che ogni articolo pubblicato sul nostro blog sia EPICO).
Article stats
  • Monthly traffic 14
Data from Content Explorer

Shows how many different websites are linking to this piece of content. As a general rule, the more websites link to you, the higher you rank in Google.

Shows estimated monthly search traffic to this article according to Ahrefs data. The actual search traffic (as reported in Google Analytics) is usually 3-5 times bigger.

The number of times this article was shared on Twitter.

    Molti articoli di blog dovrebbero avere una lunghezza di almeno 300 parole. Se sono più corti, dovresti chiederti se hai davvero qualcosa di importante da dire.

    Da qui in poi, raggiungere un certo numero di parole non dovrebbe essere un obiettivo. Il tuo obiettivo dovrebbe essere la scrittura di un articolo ben ricercato, coinvolgente e accurato della lunghezza necessaria: nulla di meno e nulla di più.

    Tuttavia, il fatto che tu stia leggendo questo articolo significa che hai probabilmente sentito che Google posiziona gli articoli lunghi in posizioni più alte rispetto a quelli corti.

    In questo articolo, esploreremo il motivo per cui questo è di fatto una affermazione sbagliata, e cosa dovresti invece fare per ottimizzare i tuoi articoli del blog per i motori di ricerca.

    Molti studi mostrano una correlazione tra la lunghezza del contenuto e le cose che associamo come a buone performance SEO.

    Tuttavia, la correlazione non prova la causalità.

    Quindi, val la pena discutere di un paio di argomenti comuni nel dettaglio.

    1. Contenuti più lunghi ricevuto più backlink

    I backlink sono uno dei più importanti fattori di posizionamento su Google.

    Lo sappiamo perché sono il fondamento dell’algoritmo PageRank. Google inoltre cita i backlink qui nel contesto del posizionamento di pagine utili.

    Se guardi alle relazioni tra il conteggio delle parole e i backlink, si nota comunque una forte correlazione positiva.

    In questo caso, il dato è preso dall’analisi di un campione di circa 900 milioni di pagine delle oltre 3 miliardi di pagine del Content Explorer. E’ il nostro strumento di ricerca contenuti per analizzare i contenuti migliori come performance su un dato argomento. Tuttavia, non siamo i primi ad aver notato la correlazione. Molte persone hanno analizzato altre fonti di dati e trovato la stessa cosa: contenuti più lunghi hanno più backlink rispetto a quelli più corti.

    Perché potresti vedere questa correlazione?

    Iniziamo con la possibilità maggiormente ovvia: articoli di blog più lunghi destano maggiore impressione, ed ecco perché più persone creano link ad essi.

    Anche se questa sembra essere una affermazione ragionevole, i nostri dati non la confermano.

    Guarda nuovamente al grafico sopra e vedrai che è tagliato a 1000 parole. Per gli articoli più lunghi, abbiamo trovato una correlazione fortemente negativa tra il conteggio di parole e i backlink. In altre parole, il numero medio di backlink da siti web univoci (domini referring) inizia a calare dopo 1000 parole.

    Cosa se ne può dedurre?

    La nostra teoria è che la correlazione viene meno in parte nel bilanciamento tra accuratezza e brevità.

    Mi spiego meglio:

    In generale, i contenuti più lunghi tendono ad includere maggiori punti di discussione ‘acchiappa-link’. Ma allo stesso tempo coprono i punti “necessari” tra altri meno importanti punti “utili”. Il risultato è un contenuto che meno persone leggeranno per intero, ovvero meno persone entreranno in contatto con i punti ‘acchiappa-click’. E meno persone li incontreranno, meno persone ti daranno il link.

    E’ anche vero che molte persone non metteranno un link ad un articolo del blog che non hanno letto. E ci saranno meno persone che lo faranno se il tuo articolo richiede 3 ore per essere letto.

    Cosa dovresti fare?

    Mantieni il tuo articolo del blog conciso e senza fuffa ed assicurati di includere importanti elementi ‘acchiappa-click’.

    Sensato. Ma come fai a capire da cosa è costituito un punto ‘acchiappa-click’?

    Un modo è incollare l’URL di un articolo nelle prime posizioni in classifica per una tua parola chiave obiettivo in Site Explorer di Ahrefs. Poi, vai al report Backlink e guarda ai link ancora e al testo attorno per le tendenze.

    Per esempio, se lo facciamo per uno degli articoli in alto nella classifica per “copywriting SEO”, vediamo un ammontare sproporzionato di link in ingresso grazie alla menzione del metodo introduttivo APP.

    1 app method

    Siccome sappiamo che quella sezione è responsabile di molti link, possiamo assicurarci di includere qualcosa di simile quando scriveremo sullo stesso argomento.

    Questo è ciò che abbiamo fatto nella nostra guida al Copywriting SEO. Non volevamo copiare altri articoli e menzionare il metodo APP, quindi abbiamo menzionato un’altra utile formula introduttiva.

    2 toc seo copywriting guide

    da ricordare

    Non focalizzarti nella lunghezza. Focalizzati nell’inclusione di tutti i punti degni di link nel modo più succinto possibile.

    2. Contenuti più lunghi hanno maggior traffico organico

    Secondo la nostra analisi delle pagine nel Content Explorer, c’è una moderata positiva correlazione tra la lunghezza del contenuto e il traffico organico.

    Ma nuovamente, sarebbe imprudente assumere una causazione.

    Perché potresti vedere questa correlazione?

    Prendiamo all’inizio in considerazione l’idea che Google sia prevenuto nei confronti dei contenuti più lunghi. Come risultato, contenuto più lunghi si posizionano più in alto e ricevono maggior traffico organico.

    Di nuovo, i nostri dati non confermano la tesi.

    Se guardi nuovamente al grafico sopra, noterai che è limitato a 2000 parole. Perché abbiamo trovato una moderata correlazione negativa tra il numero di parole e il traffico organico per articoli più lunghi di 200 parole. In altre parole, l’articolo medio di 10.000 parole avrà minor traffico di ricerca rispetto all’articolo medio di 2.000 parole.

    Ovviamente, potrebbe succedere che Google favorisca contenuti più lunghi fino a 2000 parole, ma non lo riteniamo un argomento valido. Non ha alcun senso penalizzare articoli per essere “troppo lunghi”.

    John Mueller di Google è d’accordo. Nel 2019, ha dichiarato che il numero di parole non è un fattore di posizionamento.

    2 john mueller word count reddit

    Quindi vediamo ad altre ragioni più convincenti sul motivo per cui la correlazione potrebbe esistere.

    Primo, c’è una correlazione positiva (fino a 1000 parole) tra il numero di parole e i backlink. Lo sappiamo già, e sappiamo che i backlink sono importanti per il posizionamento.

    Secondo, contenuti più lunghi tendono ad essere più completi e coprono naturalmente maggiori sottoargomenti. Per questa ragione, i contenuti più lunghi spesso si posizionano per più parole chiave in coda lunga.

    Guarda al nostro elenco di operatori di ricerca Google. Secondo Site Explorer di Ahrefs, si posiziona per circa 7200 parole chiave.

    4 google search operators

    Molte di queste parole chiave sono solamente altri modi di cercare la stessa cosa come “comandi di ricerca google” e “modificatori di ricerca google”. Ma la pagina si posiziona anche per termini collegati come “google inurl” e “operatore filetype google”.

    5 keywords google search operators

    Questo succede perché il nostro articolo è approfondito e menziona entrambi questi operatori.

    6 google search operators post excerpt

    Se il nostro articolo del blog fosse meno approfondito e non parlasse di queste cose, non sarebbe posizionato per queste parole chiave. Lo vediamo succedere con un articolo concorrente sullo stesso argomento. Cita solamente 12 operatori di ricerca, quindi non si posiziona per molte parole chiave collegate.

    7 no rankings

    Cosa dovresti fare?

    Invece di scrivere senza sosta finché non ci sono possibilità che tu abbia dimenticato qualcosa di importante, inizia a cercare cos’è importante. In questo modo, puoi tenere il tuo articolo succinto includendo le cose importanti ed escludendo le meno importanti.

    Un modo facile per farlo è osservare le pagine in cima alla classifica e trovare le cose in comune.

    Per esempio, entrambi le pagine in cima alla classifica per la “dieta keto” parlano di cos’è la dieta keto…

    top ranking pages keto diet

    … e quali cibi dovresti mangiare:

    top ranking pages keto diet foods

    Il fatto che molte pagine in cima alla classifica parlino di queste cose ti dice che sono probabilmente punti importanti.

    Puoi anche eseguire una analisi dei gap di contenuti per trovare parole chiave che fanno posizionare molte pagine in cima alle classifiche, poi cerca il report per i sottoargomenti e punti importanti. Per farlo, incolla gli URL di alcune pagine in cima alle classifiche per la tua parola chiave principale nello strumento Content Gap di Ahrefs e lascia vuoto il campo in basso.

    8 content gap

    Esegui l’analisi e cerca i sottoargomenti.

    Qui, vediamo parole e frasi come “cos’è la dieta keto”, “pasti keto” e “colazione keto”.

    9 content gap 2

    Solamente alcune parole chiave sono abbastanza per dare una linea guida ad un articolo del blog.

    da ricordare

    Non focalizzarti nella lunghezza. Focalizzati nel coprire tutti i sottoargomenti rilevanti nel modo più succinto possibile.

    Oltre al fatto che i dati di correlazione mostrino che mediamente gli articoli blog ricevano meno backlink e meno traffico oltre una certa lunghezza, ci sono altre ragioni per creare contenuti più succinti possibile?

    La risposta veloce è si, perché nessuno vuole leggere più di ciò che dovrebbe.

    Con le parole del nostro CMO Tim Soulo:

    A nessuno piace leggere. Tutti vogliono solo le informazioni. Se potessero scaricarle direttamente nel cervello, lo farebbero.

    Tim Soulo
    Tim Soulo, CMO

    Ma ci sono delle evidenze reali oltre agli aneddoti?

    Certamente. Quando Medium ha analizzato la correlazione tra la lunghezza degli articoli e il tempo di lettura medio, hanno notato che il coinvolgimento inizia a calare per gli articoli con tempo di lettura maggiore di 7 minuti.

    pasted image 0 11

    Secondo L’Università di Chicago, molte persone leggono approssimativamente 250 parole al minuto. Questo rende un articolo del blog da 7 minuti una stima di 1750 parole.

    Significa che il tuo articolo del blog non dovrebbe mai essere più lungo o più corto?

    Ovviamente no. Avrà bisogno di più di 1750 parole per affrontare approfonditamente alcuni argomenti e meno per altri. Ecco perché la nostra guida alla Youtube SEO conta oltre 7000 parole, e la nostra lista di estensioni Chrome per tecnici SEO ne conta solo 1275. C’è maggior necessità di spiegare la SEO di YouTube.

    Detto questo, anche se ci sono molti argomenti da coprire, dovresti fare uno sforzo per tagliare ciò che non è necessario dai tuoi articoli.

    Uno degli strumenti che ti può aiutare a farlo è Hemingway. Aiuta a migliorare la tua scrittura facendoti notare le parole inutili e vuote. Nella mia esperienza, è facile ridurre il numero di parole di almeno il 10% utilizzando questo strumento. Ma di nuovo, potrebbe essere che il mio stile di scrittura sia curiosamente contorto.

    Vale anche la pena far leggere il tuo articolo blog a un amico o collega. Perché? Perché le altre persone sono solitamente migliori nel trovare un argomento non necessario e che serve solamente a rendere l’articolo complicato. Lo facciamo per tutti gli articoli che pubblichiamo.

    Conclusioni

    E’ tempo di evitare l’ossessione per il numero di parole Invece, concentrarsi nel creare articoli di blog concisi e completi che coinvolgano i lettori e seguano le buone pratiche SEO.

    Sei in difficoltà con la parte di coinvolgimento? Guarda a questi consigli sul copywriting SEO.

    Domande? Mi trovi su Twitter.

    Tradot­to da Mau­ro Marinello

    • Monthly traffic 14
    Data from Content Explorer