Introducing Ahrefs Webmaster Tools. Free SEO audits, backlink, and keyword data. Learn more →

Enjoyed the Read?

Don’t miss our next article!

Come Posizionarsi nei Riquadri ‘Le Persone Hanno Chiesto Anche’ e Se Dovresti Farlo o Meno

Joshua Hardwick
Head of Content @ Ahrefs (o, in parole povere, sono la persona che fa sì che ogni articolo pubblicato sul nostro blog sia EPICO).
    I riquadri “Le persone hanno chiesto anche” (PAA) hanno iniziato ad essere maggiormente rilevanti negli scorsi anni.

    Infatti, secondo Keywords Explorer di Ahrefs, il 43% delle query di ricerca ora mostra il riquadro PAA:

    In questa guida, parleremo di come puoi posizionarti nei riquadri PAA, se te ne dovresti comunque preoccupare, ed altri metodi che ti possono aiutare nella SEO.

    Ma prima le basi…

    Il riquadro ‘Le persone hanno chiesto anche’ (PAA) è una funzionalità SERP di Google che risponde a domande relative alla query di ricerca degli utenti. Ogni risposta deriva da una pagina web, e Google fornisce un link per fare click ad ciascuna delle fonti.

    2 paa box example4 cose da conoscere sui riquadri ‘Le persone hanno chiesto anche’

    Prima di parlare del se e come dovresti tentare il posizionamento PAA, vediamo alcune cose da tenere a mente.

    1. I riquadri PAA possono apparire in diverse posizioni nella SERP
    2. Le domande nelle PAA sono apparentemente infinite
    3. I formati delle risposte PAA sono diversi
    4. Le domande delle PAA attivano sempre* le stesse risposte

    1. I riquadri PAA possono apparire in diverse posizioni nella SERP

    Al contrario dei featured snippet, che solitamente appaiono al primo o secondo posto nei risultati di ricerca, i riquadri PAA potrebbero apparire in praticamente qualsiasi posizione.

    Per esempio, sono mostrate in posizione #2 per la query ‘come diventare un paramedico’:

    3 paa position 2

    Ma per ‘modelli di articolo blog’, non appaiono fino alla posizione #6.

    4 paa box position 6

    Per alcune query, il riquadro PAA non appare nemmeno nella prima pagina.

    2. Le domande nelle PAA sono apparentemente infinite

    Maggiori risposte si caricano non appena fai click per espandere la scoperta di una risposta nel riquadro PAA. Ed avendoci dato dentro con i click, non sembra esserci mai una fine.

    Screen Recording 2020 09 21 at 04.17 pm

    3. I formati delle risposte PAA sono diversi

    Come le featured snippet, le risposte alle domande collegate nei riquadri PAA sono di diversi formati. Paragrafi, elenchi, e tabelle sembrano essere le più comuni, va a volte compaiono anche dei video.

    5 paa video

    4. Le domande delle PAA attivano sempre* le stesse risposte

    Anche se le stesse risposte spesso vengono mostrate nei riquadri PAA in query di ricerca diverse, Google sembra usi la stessa fonte per la risposta ogni volta.

    Come esempio, “Qual’è la cosa più cercata di sempre su Google?” viene mostrata nei riquadri PAA per query come “ricerche google trend” e “quante ricerche su google”. E la risposta è presa dalla stessa fonte in entrambi i casi.

    6 paa google trend searches

    7 paa how many searches on google

    *Avendo cercato un bel po’ di risposte durante la mia ricerca per questo articolo, non ho potuto trovare un caso dove non era vero. Se Google prende la risposta di una domanda dalla tua pagina una volta, prenderà la risposta dalla tua pagina per ogni altra query dove compare la stessa domanda.

    Purtroppo, ci sono pochi dati disponibili su quanto spesso le persone ci interagiscono e fanno click alle fonti nei riquadri PAA. Probabilmente perché Google non mostra questi dati in Google Search Console, e non ci sono altre fonti attendibili.

    Infatti, l’unico studio di terze parti che conosco è questo di Backlinko. Dimostra che, di media, solo il 3% degli utenti di ricerca interagisce con un riquadro PAA.

    8 3 percent paa interactions backlinko

    Ma dice anche che questo numero cambia molto, con alcune query che riportano un valore fino al 13,6% di tasso di interazione.

    9 paa interactions study backlinko

    E ricorda, le interazioni non solo la stessa cosa dei click. Espandere una risposta viene conteggiata come interazione, quindi il numero di persone che andrà a fare click alla fonte della risposta è probabilmente minore.

    E peggio, molti riquadri PAA mostrano di default 3–4 risposte, creando maggiore scelta per gli utenti di ricerca e maggior competizione per le pagine web.

    Eppure, restiamo ragionevolmente ottimistici e facciamo le seguenti assunzioni:

    • 3% tasso di interazione medio.
    • 40% di interazioni si trasformano in un click alla fonte.
    • Le interazioni sono divise equamente tra 4 domande (e.s., 25% ad ognuna).

    Con questi valori, circa lo 0,3% delle ricerche con riquadri PAA si trasformano in click. In altre parole, per avere 100 click extra dai riquadri PAA, dovresti apparire come fonte per una domanda che si manifesta per parole chiave con un volume di ricerca mensile combinato di circa 33.000.

    Potrebbe sembrare scoraggiante, ma ci sono un paio di cose da ricordare:

    1. Google spesso mostra la stessa domanda nei riquadri PAA tra centinaia di query. E siccome pesca sempre la risposta dalla stessa fonte, comparire per parole chiave con un alto volume di ricerca combinato è spesso più facile di come sembra.
    2. Google potrebbe usare la tua pagina come fonte per diverse risposte. Per esempio, forse la tua pagina risponde a moltissime domande comuni. Se Google mostra queste domande su molte query di ricerca, le visualizzazioni ed i click potrebbero presto aumentare.

    Vale anche la pena tenere a mente che il traffico non è tutto. Avere 50 o 100 click extra ad una pagina con un alto tasso di conversione o valore per ogni visitatore potrebbe aumentare significativamente i tuoi numeri.

    La mia opinione, quindi, è che ‘ottimizzare’ per i riquadri PAA potrebbe a volte essere utile per pagine con tanto traffico o alto valore.

    Quindi proviamo a capirne di più…

    Il processo di base è semplice: trova una domanda rilevante PAA, poi lavora all’ottimizzazione on-page per aumentare la possibilità che Google usi la tua pagina come fonte per la risposta.

    Tuttavia, scegliere le domande da ottimizzare a casaccio è inefficiente. Dopo tutto, la domanda potrebbe comparire nel riquadro PAA per un paio di query di ricerca a basso volume. In quel caso, il posizionamento non ti manderà molto traffico (o maggiore visibilità). Invece, dovrai ottimizzare per domande rilevanti che vengono mostrate per molte parole chiave con una combinazione alta di volume di ricerca mensile.

    Per esempio, la domanda “Quali sono i primi 5 motori di ricerca?” compare nel riquadro PAA per tutte queste parole chiave:

    Screen Recording 2020 09 30 at 12.51 pm

    Combinate, hanno un volume di ricerca mensile di 157.450.

    Ipotizzando che una delle nostre pagine sia ‘idonea’ a fornire la risposta a questa domanda (ne parleremo di più tra poco), potrebbe essere una buona domanda per ottimizzare.

    Ma come trovi le domande frequenti? E come ottimizzi per esse?

    Ecco il processo:

    1. Trova pagine che si posizionano per molte parole chiave
    2. Trova la classifica delle parole chiave
    3. Cattura le domande PAA
    4. Cerca le domande frequenti
    5. Assicurati di non essere già la fonte
    6. Controlla di essere ‘idoneo’ al posizionamento
    7. Ottimizza la tua pagina

    1. Trova pagine che si posizionano per molte parole chiave

    E’ impossibile trovare tutte le parole chiave dove Google mostra una domanda specifica nel riquadro PAA. Tutto quello che possiamo sperare di fare è trovare domande che vengono mostrate per molte parole chiave con un alto volume combinato di ricerche mensili.

    Come? Cercando le pagine posizionate per molte parole chiave.

    Per farlo, incolla il tuo sito su Site Explorer di Ahrefs, vai al report Pagine Principali, poi ordina la colonna Parole Chiave dall’alto al basso.

    organic keywords

    2. Trova la classifica delle parole chiave

    Scegli una pagina dall’elenco, incolla l’URL nel Site Explorer di Ahrefs, e vai al report Parole Chiave Organiche. Questo mostra tutte le parole chiave per le quali la pagina è posizionata.

    Poi, aggiungi questi filtri:

    • Parole chiave nelle posizioni <20. Le parole in posizione inferiore saranno probabilmente irrilevanti, quindi non vale la pena prenderle in considerazione.
    • Le parole chiave con un volume di ricerca mensile di almeno 10. Ricorda, vogliamo ottimizzare per domande che appaiono nei riquadri PAA per query di ricerca popolari.
    • Parole chiave con i riquadri PAA nei risultati.

    organic keywords paa

    Esporta l’elenco completo delle parole chiave dal report filtrato in formato CSV.

    3. Cattura le domande PAA

    Prima di poter ottimizzare la pagina, devi conoscere quali domande sono esposte nei riquadri PAA per queste parole chiave. Per farlo, apri il CSV dal passaggio precedente, poi copia e incolla l’elenco completo delle parole chiave in Keywords Explorer di Ahrefs.

    Screen Recording 2020 09 21 at 05.21 pm

    Premi il pulsante “Esporta”, controlla il riquadro “Includi le SERP”, ed esporta.

    Google sembra usare sempre la stessa fonte per una risposta alla domanda, anche se è mostrata nel riquadro PAA su multiple query. Quindi, il prossimo passo è trovare le domande che compaiono più frequentemente per la tua pagina. Dopo tutto, se la stessa domanda è mostrata nel riquadro PAA per centinaia di migliaia di parole chiave, allora vale forse la pena ottimizzare su questo.

    Il metodo più facile di farlo è incollare o importare il CSV dal passaggio precedente in un foglio Google, e creare una tabella pivot.

    Screen Recording 2020 09 21 at 05.41 pm

    Se non hai mai creato o sentito parlare di tabella pivot prima d’ora, non preoccuparti. E’ di fatto solo un modo per estrarre e visualizzare dati da un set di dati.

    Replica queste impostazioni e sarai pronto:

    15 pivot table

    Nota che il filtro dove dice “Mostrare 1 Elemento” sopra è impostato solo sui risultati ‘Le persone hanno chiesto anche’.

    Il risultato dovrebbe mostrarti quante volte ogni domanda appare nel riquadro PAA tra tutte le parole chiave per le quali la pagina è posizionata, e la somma totale del volume di ricerca per queste parole chiave.

    Per esempio, la domanda ‘Quali sono i primi 10 siti web?’ viene mostrata nel riquadro PAA per 212 parole chiave per le quali il nostro elenco di operatori di ricerca Google si posiziona. E la somma del volume di ricerca mensile per quelle parole chiave è 61.800.

    16 pivot table 2

    Se Google dovesse usare la nostra pagina come fonte per le risposte a quella domanda, potrebbe inviarci alcune centinaia di visite extra.

    5. Assicurati di non essere già la fonte

    Prima di continuare, dovresti escludere la possibilità che Google stia già servendo la risposta dalla tua pagina. Lo puoi fare cercando per una query dove la domanda è mostrata nel riquadro PAA.

    Per rivelare queste query, premi l’icona “+” nella domanda stessa:

    Screen Recording 2020 09 21 at 05.52 pm

    Copia e incolla una di queste su Google. Dovresti vedere la domanda nel riquadro PAA nella SERP. Espandila e vedi se sei la fonte.

    17 websites paa

    Nota a margine.
    Se non vedi la domanda nel riquadro PAA, prova ad impostare la tua VPN nel paese di destinazione e cercare in modalità incognito.

    Se tu sei la fonte, passa alla prossima domanda. Non c’è logica nell’ottimizzare per una domanda dove tu sei già la risposta.

    6. Controlla di essere ‘idoneo’ al posizionamento

    Molte delle domande che Google sceglie per il riquadro PAA sembrano provenire da una delle prime 10 posizionate per la domanda stessa.

    Per esempio, se cerchi per ‘siti web più visitati’, la risposta per la domanda ‘Quali sono i primi 10 siti web?’ del riquadro PAA deriva dal nostro elenco dei siti web più visitati.

    18 paa most popular websites

    Nota a margine.
    Nuovamente, è meglio farlo in modalità incognito con una VPN.

    E se fai una ricerca per questa domanda, potrai vedere la nostra pagina in posizione #3:

    19 paa question ranking

    Quindi, a meno che tu sia già posizionato nei primi 10 per la domanda di per sé, è possibile che la tua pagina non sia una fonte idonea per la risposta. Se questo è il caso, torna indietro e scegli una domanda diversa con potenziale per l’ottimizzazione.

    7. Ottimizza la tua pagina

    Se sei arrivato fin qui, allora ciò che segue dovrebbe essere vero:

    • Hai trovato una domanda PAA frequente.
    • La tua pagina non è ora la fonte della risposta.
    • Sei posizionato tra le prime 10 quando cerchi su Google per quella domanda.

    Bene. Ora, come si ottimizza la tua pagina?

    Molte delle migliori pratiche sono le stesse di quando si ottimizza per i featured snippet.

    Ecco il processo di base:

    Vediamo questi punti in dettaglio.

    La risposta alla domanda è nella pagina?

    Se la risposta non è nella tua pagina, devi aggiungerla. Dopo tutto, ci sono 0 possibilità che la tua pagina venga selezionata come fonte della risposta se non è di fatto una fonte.

    Tuttavia, la risposta esatta di per sé non dev’essere nella pagina.

    Per esempio, Healthline è la fonte alla risposta per la domanda “A cosa serve un deumidificatore?”

    Screenshot 2020 09 30 at 14.47.41

    Ma la pagina di per sé non usa questo fraseggio. Google sta ricavando la risposta dall’introduzione sotto H1 che dice “Cosa Fa Un Deumidificatore?”.

    healthline source

    E’ importante anche non fornire risposte a domande irrilevanti nel tuo contenuto. Per inciso, se la tua pagina parla dei primi 100 siti web visitati, provare ad ottimizzare per una domanda PAA come ‘Che cos’è un sito web?’ è una cattiva idea.

    E’ in un formato che Google si aspetta?

    Come le featured snippet, le risposte PAA sono in formati diversi. Testo, tabelle, elenchi, ed i video sono i più comuni. Puoi controllare quale formato Google si aspetta guardando le risposte attuali alla domanda.

    Per esempio, è chiaro che Google si aspetta un formato ad elenco non ordinato per la domanda “Quale è il miglior sistema amministrativo per una piccola impresa?”:

    21 paa unordered list

    Se il tuo contenuto non risponde a questo formato, non è probabile che venga scelto come fonte della risposta. Lo puoi sistemare cambiando il formato per portare il tuo contenuto in linea con le aspettative. Come bonus, questo spesso rende il tuo contenuto più digeribile agli altri visitatori.

    Il codice è pulito?

    Codice sporco confonde spesso Google, quindi è conveniente realizzarlo più pulito possibile. Questo significa utilizzare titolazioni chiare (H2, H3, ecc.), e rimuovendo ciò che è superfluo.

    Come esempio, se vogliamo che Google prenda la risposta alla domanda ‘Come posso diventare un marketer dell’affiliazione?’ da questo articolo, allora potrebbe valer la pena fare il sommario dei principali punti dei 7 passaggi spiegati successivamente.

    22 post formatting

    Le persone hanno inoltre teorizzato che segnalare domande e risposte con schema potrebbe incrementare le tue possibilità di apparire nei riquadri PAA. Devi sapere che non è un requisito, ma sembra certamente logico che potrebbe aiutare perché rende più semplice per Google estrarre le informazioni rilevanti.

    Lettura consigliata: Che Cos’è Schema Markup? Come Usarlo per la SEO

    Posizionarti nei riquadri PAA popolari non è l’unico modo in cui possono aiutarti con la SEO.

    Ecco alcuni altri modi su come puoi usarli:

    1. Creare contenuto migliore
    2. Trovare nuove parole chiave da puntare
    3. Dare migliori risposte alle query di brand

    1. Creare contenuto migliore

    I riquadri PAA spesso danno intuizioni su argomenti correlati che gli utenti di ricerca vogliono conoscere. Incorporare queste risposte nel contenuto può portare ad avere un contenuto più dettagliato che soddisfa meglio l’intento di ricerca dell’utente.

    Per esempio, guarda il riquadro PAA per “guest blogging”:

    23 search intent paa

    Queste sono tutte le cose che gli utenti di ricerca potrebbero ragionevolmente aspettarsi quando fanno click su un risultato, ma il nostro articolo ancora non risponde ad alcuna di queste domande. Probabilmente questo è il motivo si trova ora in posizione 12, anche se ha più backlink di molte delle pagine che la superano in classifica.

    2. Trovare nuove parole chiave da puntare

    Molte delle domande che vengono mostrate nei riquadri PAA raramente sembrano avere alti volumi di ricerca mensili.

    Guarda a queste domande, ad esempio:

    25 when did apple release airpods paa

    Se le incolliamo in Keywords Explorer di Ahrefs, tutte hanno 10 o meno ricerche mensili stimate negli USA.

    26 ke no sv

    Ma questo non significa che le persone non stiano cercando le risposte a queste domande in altri modi.

    Per esempio, se installiamo la barra degli strumenti SEO di Ahrefs e cerchiamo per una di queste domande, vediamo che le pagine ai primi posti hanno circa 4.800 visite da ricerca mensile.

    27 ahrefs toolbar

    Questo perché la pagina sta ricevendo traffico da molte altre parole chiave simili, come “nuovi airpod” e “airpod 3”.

    28 organic keywords

    In questo caso, avresti probabilmente trovato queste parole chiave con il processo convenzionale di ricerca parole chiave. Ma se continui ad espandere per rivelare maggiori domande nei riquadri PAA, finirai spesso con l’incontrare domande relative ad argomenti che non avresti mai pensato di trattare.

    Per esempio, quando ho cercato per “miglior strumento amministrazione”, c’erano molte domande collegate al software che non avevo mai sentito come Xero, Wave Accounting, e Peachtree. Usando queste come parole chiave ‘seme’ su Keywords Explorer rivelano centinaia di parole chiavi interessanti che probabilmente non avrei mai trovato altrimenti.

    29 seed keywords ke

    3. Dare migliori risposte alle query di brand

    Le query di brand sono di solito a basso volume, ma le persone che le cercano sono spesso vicine alla base del funnel marketing e sono vicine alla conversione. Se riceveranno informazioni imprecise o scorrette in questa fase, potrebbe facilmente impedire il loro acquisto.

    Per esempio, guarda alla risposta a questa domanda quando cerchi per ‘QuickBooks’:

    30 branded paa

    Non solo questa risposta arriva da un concorrente, ma suggerisce metodi illegali per avere Quickbooks gratuitamente. Questo non va bene per QuickBooks, quindi questa è una risposta per la quale dovranno sicuramente ottimizzare.

    Conclusioni

    Posizionarsi nei riquadri PAA può senza dubbio aumentare il traffico organico, ma devi scegliere bene la tua battaglia. Non c’è motivo di ottimizzare per domande che appaiono solo una volta ogni tanto per parole chiave a basso volume.

    Significa che lo sforzo dev’essere fatto da tutti? Probabilmente no. Se il tuo sito riceve poco ‘regolare’ traffico organico, ci sono probabilmente altre cose più importanti su cui focalizzarsi al posto dei riquadri PAA.

    Domande? Contattami su Twitter.

    Tradotto da  Mauro Marinello