Enjoyed the Read?

Don’t miss our next article!

Lo Stato degli Attributi Nofollow, UGC & Sponsored nei Link [Nuova Ricerca]

Patrick Stox
Patrick Stox è Product Advisor, Technical SEO e Brand Ambassador di Ahrefs. E’ tra gli organizzatori di Raleigh SEO Meetup, Raleigh SEO Conference, Beer & SEO Meetup, Findability Conference, e moderatore di /r/TechSEO.
    Nel 2019, dopo 15 anni, Google ha cambiato il funzionamento dei nofollow. Ora è un suggerimento sia per la scansione che per il posizionamento. Hanno aggiunto anche 2 attributi nuovi, rel=”ugc” e rel=”sponsored”

    Secondo l’annuncio, nofollow è creato per i link dove non si vuole associare alcun tipo di endorsement o trasferire credito di posizionamento ad un’altra pagina. Sponsored funziona allo stesso modo, ma dimostra che il link è pubblicitario, a pagamento, sponsorizzato, o link affiliato. UGC (User Generated Content) funzionano anche come il nofollow ma associano l’informazione che il link è stato aggiunto da qualcun’altro. UGC dovrebbe essere utilizzato per i commenti, articoli di forum, ed ogni sezione dove gli utenti possono aggiungere contenuti.

    I nuovi attributi sono opzionali. Google vorrebbe che le persone gli usassero così da essere in grado di capire gli schemi dei link e come le persone sono collegate nel web. Ma  a questo punto, non devi fare alcuna modifica se non ne hai voglia.

    Per chi di voi utilizza Ahrefs, saprai che abbiamo aggiunto da tempo supporto agli attributi UGC e sponsored. Infatti, abbiamo iniziato a collegare dati e aggiungere i filtri allo strumento dopo 2 giorni dall’annuncio ufficiale.

    Detto questo e il fatto che sponsored e UGC sono opzionali, abbiamo pensato di analizzare i nostri dati per vedere quanto spesso gli utenti li stanno utilizzando. Per farlo, abbiamo studiato i primi 110.000 siti della classifica Ahrefs.

    Quanto comune è il nofollow?

    Il 10,6% di tutti i backlink dei primi 110.000 siti sono nofollow.

    Mentre ci sono delle ragioni legittime per usare il nofollow, come l’uso nei commenti del blog, le percentuali sono abbastanza alte. Questo è probabilmente il motivo per il quale Google ha cambiato il nofollow in un suggerimento. Stiamo notando che molti siti web famosi usano principalmente nofollow per i link esterni come Wikipedia, Forbes, Entrepreneur, CNN, NFL, e molti altri. Credo che lo stiano facendo per evitare penalità nei link esterni o provare a conservare il PageRank al proprio sito, ma non funzionerà.

    Nel messaggio di Google, hanno menzionato che l’anchor text dei link era importante perché descrive il contenuto collegato. Con il sistema del consiglio, ora possono utilizzare questa informazione per capire meglio gli schemi di link innaturali.

    Quindi queste sono le informazioni per i backlink. E per i link interni?

    Abbiamo trovato nofollow interni in 35,3% dei siti web che abbiamo analizzato. Compongono il 3,6% di tutti i link interni. Mentre il 3,6% non sembra alto, questo numero dovrebbe essere attorno allo 0. Sono un tecnico della SEO, e non posso immaginarmi un singolo caso dove userei il nofollow per i miei link interni. Sono a conoscenza di qualcuno che li usa per gestire il PageRank o per provare a bloccare l’indicizzazione delle pagine, e funzionava con pagine non linkate da nessun’altra, ma non è mai stato il miglior modo di prevenire l’indicizzazione. Se utilizzavi il nofollow per bloccare le pagine dal venir indicizzate, hai alcune opzioni migliori.

    Le persone stanno utilizzando UGC ed attributi sponsor?

    Poco. Solo lo 0,44% dei domini referring nei primi 100k siti web utilizza rel=”ugc”, ed ancora meno per rel=”sponsored” che compare solo nel 0,01%. Il numero totale di backlink che contiene gli attributi, solo lo 0,016% contiene rel=”ugc” e solo 0,008% contiene rel=”sponsored”.

    Non è del tutto inaspettato visto che i nuovi attributi sono opzionali. Molti siti stanno invece utilizzando il nofollow.

    Le persone stanno utilizzando gli attributi nei link interni?

    Volevamo anche vedere come le persone stanno utilizzando questi attributi ai link interni nei loro siti web. Quando abbiamo iniziato, mi aspettavo di vedere dei nofollow ma non era previsto di trovare nei dati UGC o sponsored.

    Il 3,1% dei siti analizzati ha usato rel=”ugc” nei link interni, e si limita allo 0,14% per rel=”sponsored”. Per tutti i link interni con attributi, lo 0,0002% contiene rel=”ugc” e lo 0,0016% contiene rel=”sponsored”.

    Potrebbe avere senso per UGC di esistere nei link interni. Quando aggiunto su scala, molti sviluppatori o plugin lo inseriscono automaticamente nella sezione commenti o nelle sezioni di contenuti generati dagli utenti dove le persone potrebbero creare link ad altre pagine del sito.

    pasted image 0

    Esempio di un link interno con rel=”ugc”.

    Eppure la comparsa degli sponsored mi ha sorpreso. Perché qualcuno dovrebbe pagare per avere un link interno al suo stesso sito web? Penso che molti casi di sponsored nei link interni siano errori degli utenti, ma è possibile che alcuni siti li aggiungano in automatico per collaborazioni o guest post.

    Le persone adotteranno questi nuovi attributi?

    Quando è uscito nofollow, ci sono stati molti partner da altri motori di ricerca, piattaforme per il blogging, e sistemi CMS che hanno aiutato l’adozione dei nuovi attributi. Ognuno voleva sbarazzarsi dei commenti spam, e le piattaforme erano felici di usare nofollow. Con UGC e sponsored senza alcun reale beneficio o conseguenza, non mi aspetto di vederne l’adozione su vasta scala.

    Siamo curiosi di vedere se possiamo trovare delle somiglianze nei siti web che usano questi nuovi attributi. Il nostro pensiero era che i siti web individuali non adotteranno gli attributi, ma forse alcuni sistemi CMS o plugin aggiungeranno il supporto.

    Abbiamo analizzato i CMS utilizzati in 7.130 di questi siti web. Queste sono le somme dei siti identificati:

    WordPress ovviamente è lo standard. WordPress ha aggiunto il supporto UGC nella versione 5.3, ed abbiamo scoperto che alcuni plugin hanno aggiunto il supporto per sponsored. Questo è responsabile finora per la maggior parte delle adozioni. Ho guardato nel codice di Tiki wiki ma non ho trovato alcuna citazione agli attributi, quindi probabilmente quei pochi siti sono dei casi singolari perché non ci sono indicazioni di adozione su vasta scala per quelle piattaforme.

    Conclusioni

    Nofollow è utilizzato più di quanto mi aspettassi, forse anche troppo. Con il cambiamento di Google ad un modello di consiglio, mi aspetto che i risultati di ricerca diventeranno maggiormente rilevanti se saranno capaci di utilizzare maggiori segnali dagli anchor text dei link nofollow. Senza alcuna forzatura nell’adozione, gli attributi UGC e sponsored richiederanno probabilmente sistemi diversi di adozione prima di vederli nell’uso comune.

    Hai domande su nofollow, UGC, sponsored, o il loro uso? Scrivimi su Twitter.

    Tradot­to da Mau­ro Marinel­lo

    Shows how many different websites are linking to this piece of content. As a general rule, the more websites link to you, the higher you rank in Google.

    Shows estimated monthly search traffic to this article according to Ahrefs data. The actual search traffic (as reported in Google Analytics) is usually 3-5 times bigger.