Introducing Ahrefs Webmaster Tools. Free SEO audits, backlink, and keyword data. Learn more →

Enjoyed the Read?

Don’t miss our next article!

Come creare URL SEO friendly (Passo a Passo)

Joshua Hardwick
Head of Content @ Ahrefs (o, in parole povere, sono la persona che fa sì che ogni articolo pubblicato sul nostro blog sia EPICO). Fondatore @ The SEO Project.
    Google parla dell’importanza di utilizzare URL semplici e intuitivi nella loro guida introduttiva SEO, ma come si fa?

    Cominciamo con le buone notizie: la creazione di URL per SEO non è ingegneria aerospaziale.

    Se dovessi descrivere la tua pagina in poche parole e sostituire gli spazi con trattini, di solito sarebbe “sufficiente” per la SEO.

    Ma probabilmente preferiresti non andare a caso. Quindi, eseguiremo un semplice processo per la creazione di slug URL ottimizzati, insieme ad alcune migliori pratiche per il resto dell’URL.

    Ma prima, assicuriamoci di capire come sono costruiti gli URL.

    Gli URL sono composti da molte parti.

    Per la SEO, la parte più importante è probabilmente la slug. Devi sceglierne una di queste ogni volta che crei una pagina o un post.

    Quindi iniziamo da lì e poi tratteremo alcune migliori pratiche SEO per il resto dell’URL.

    Raramente ha molto senso cambiare slug URL esistenti in quanto richiede troppo tempo. È anche probabile che faccia più male che bene.

    Quindi concentriamoci su nuovi post e pagine.

    Se hai effettuato ricerche per parole chiave e creato contenuti attorno a tale parola chiave, vai al punto 6.

    Se hai creato la tua pagina senza fare ricerche per parole chiave (che non è mai una buona idea se vuoi comparire nei SERP), segui i passaggi in ordine.

    1. Inizia con il titolo della tua pagina
    2. Rimuovi caratteri speciali
    3. Rimuovi i numeri
    4. Rimuovi i dettagli superflui
    5. Riducilo ad una parola chiave
    6. Aggiungi modificatori di parole chiave (opzionale)
    7. Rendilo leggibile (opzionale)
    8. Rendilo minuscolo
    9. Sostituisci gli spazi con trattini

    1. Inizia con il titolo della tua pagina

    Con un po ‘di modifiche la maggior parte dei titoli di pagina creano URL perfettamente ottimizzati . Iniziamo adesso a vedere una serie di passaggi per ottenere i migliori URL slug per SEO.

    Ai fini di questo articolo, utilizzeremo uno dei nostri articoli intitolato:

    Come Creare il Title Tag Perfetto per SEO (Il Nostro Processo in 4 Passaggi)

    2. Rimuovi caratteri speciali

    Hai mai visto un URL con barre rovesciate () o parentesi quadre ([])?

    Probabilmente no, perché si tratta di caratteri non sicuri che non appartengono negli URL.

    Dovresti rimuoverli per ovvi motivi, ma è anche buona pratica rimuovere altri caratteri speciali come virgole, due punti, punto e virgola, ecc.

    Ecco cosa dice John Mueller di Google a riguardo:

    In genere raccomando di evitare caratteri speciali come virgole, punti e virgola, due punti, spazi, virgolette ecc. Negli URL, per semplificare le cose. URL di questo tipo sono spesso più difficili da collegare automaticamente (quando qualcuno pubblica un post in un forum o altrove) e risulta difficile per noi riconoscere correttamente quando analizziamo il contenuto del testo per cercare di trovare nuovi URL.

    Quindi rimuoviamo tutti i caratteri non presenti nell’alfabeto, anche se per ora terremo gli spazi.

    Come Creare il Title Tag Perfetto per SEO Il Nostro Processo in 4 Passaggi

    3. Rimuovi i numeri

    Noterai che il nostro post è un processo in quattro passaggi e che questo numero è nel titolo.

    Questo va benissimo perché un titolo può essere facilmente modificato. Se un giorno aggiorniamo il post e aggiungiamo un quinto passaggio, possiamo facilmente cambiare il titolo della pagina.

    title change

    È tutta un’altra storia quando si tratta di un URL.

    Dovrai reindirizzare a un nuovo URL ogni volta che modifichi il numero di elementi nella pagina o post per mantenerlo aggiornato.

    Reindirizzare una pagina o un post di solito non è un grosso problema. WordPress lo fa automaticamente quando cambi la slug. Tuttavia, è facile dimenticare di aggiornare il numero nel URL quando si aggiornano le cose, il che porta a questo tipo di problema nei risultati di ricerca:

    2 incongruent title url

    Una soluzione migliore è negare del tutto i numeri nell’URL. In questo modo, non sarà necessario aggiornare l’URL quando si apportano modifiche minori alla pagina.

    Quindi rimuoviamo il numero dal nostro potenziale URL:

    Come Creare il Title Tag Perfetto per SEO Il Nostro Processo

    4. Rimuovi i dettagli superflui

    Google afferma che è buona norma rendere gli URL il più semplice possibile e ci sono probabilmente un paio di ragioni per farlo.

    Innanzitutto, i visitatori possono essere intimiditi da URL estremamente lunghi.

    In secondo luogo, gli URL lunghi vengono spesso troncati nei risultati di ricerca.

    3 url truncation

    Quindi rimuoviamo tutto ciò di cui non abbiamo bisogno dal nostro potenziale URL.

    Nota che dovrai usare il buon senso per questa parte. L’obiettivo non è quello di rendere il tuo URL così breve da non descriverne più accuratamente il contenuto. È per rimuovere parole e frasi non necessarie.

    Nel nostro caso, questo è probabilmente tutto ciò che era tra parentesi (“Il nostro Processo [in 4 Passaggi]”)

    Come Creare il Title Tag Perfetto per SEO

    5. Riducilo ad una parola chiave

    La maggior parte dei titoli contengono naturalmente parole chiave, quindi ciò che probabilmente ti rimane del tuo titolo in questa fase è una versione semplificata e ricca di parole chiave.

    Mentre questo potrebbe avere perfettamente senso da usare (e sentiti libero di farlo se è il caso), spesso non sarà molto succinto.

    Come abbiamo già discusso, questo può creare lunghi URL che vengono troncati nei risultati di ricerca. Il contesto aggiuntivo può anche essere un problema se si desidera aggiornare la pagina.

    Ad esempio, avevamo un post con la slug / basic-guide-anchor-text /. Quando abbiamo aggiornato questo post, abbiamo aggiunto molte informazioni. Ciò ha reso la guida non così basilare e abbiamo dovuto reindirizzarla a una slug più appropriata.

    4 anchor text post

    Quindi, il passo successivo è trovare la parola chiave che rappresenta il modo più popolare in cui la gente cerca l’argomento della tua pagina.

    Per fare questo, installa e attiva la SEO toolbar di Ahrefs, poi ricerca su Google il tuo potenziale URL. Guarda per una pagina simile alla tua nei risultati che ottiene una discreta quantità di traffico organico.

    5 top ranking pages traffic

    IMPORTANTE

    Se le pagine nei risultati di ricerca non ricevono traffico, è probabile che la tua pagina riguardi un argomento senza potenziale di traffico di ricerca. Poiché nessuno sta cercando ciò di cui tratta la tua pagina, sarà difficile ottenere traffico organico, malgrado quanto ottimizzi l’URL.

    Evita questo errore in futuro facendo prima una ricerca per parole chiave.

    Premi il link “KW” per vedere per quali parole chiave è classificata la pagina in Site Explorer di Ahrefs.

    6 title tags post traffic

    Guarda l’elenco delle parole chiave più pertinenti che corrispondono ai tuoi contenuti.

    7 organic keywords report

    Se lo stessimo facendo per il nostro post sui title tag, probabilmente sarebbe:

    title tag

    6. Aggiungi modificatori di parole chiave (opzionale)

    L’uso di una parola chiave a corrispondenza esatta per il tuo URL slug spesso ha senso, ma non sempre. A volte scoprirai che manca di descrittività.

    Un modo semplice per risolvere questo è aggiungere modificatori di parole chiave.

    I modificatori di parole chiave sono parole correlate che aggiungono contesto al tuo URL. Puoi trovarli nel rapporto Organic Keywords che abbiamo usato nel passaggio precedente.

    Ad esempio, se esaminiamo il rapporto per la nostra pagina che sta competendo per title tag, vediamo “seo” e “html” apparire alcune volte.

    8 seo html modifiers

    Avrebbe senso includere uno o entrambi questi nel nostro URL.

    Non ci sono regole rigide per il modo in cui si fà. Si tratta di usare il buon senso. Ad esempio, uno qualsiasi di questi URL funzionerebbe per il nostro post:

    SEO title tag

    HTML title tag

    title tag SEO

    HTML title tag SEO

    Ma non riempire i tuoi URL con parole chiave in questo modo:

    HTML meta title tag SEO

    Ecco quello che ho scelto per il nostro post:

    title tag SEO

    7. Rendilo leggibile (opzionale)

    Forse sono solo io, ma alcuni URL sembrano più facili da leggere rispetto ad altri.

    Prendi le idee sopra. Direi che / seo-title-tag / ha più senso di / html-title-tag-seo /. Perché? Penso che sia perché il primo ha senso se usato in una frase, mentre il secondo è solo una stringa casuale di parole.

    Quindi, provo spesso a rendere leggibili gli URL aggiungendo congiunzioni o pluralizzando.

    Per il nostro post sui tag del titolo, non l’ho fatto perché “title tag seo” sembrava leggere perfettamente.

    Tuttavia, per il nostro post “Best WordPress plugins for SEO, la parola chiave più adatta era “best seo plugin wordpress”.

    9 best seo plugin wordpress organic keywords

    Sembrava strano, così ho usato il plurale di “plugin” e ho aggiunto la congiunzione “for”.

    9 best seo plugin wordpress

    Come puoi vedere, l’URL è ancora breve e piacevole ma legge molto più naturale.

    8. Rendilo minuscolo

    La maggior parte dei server Web trattano allo stesso modo gli URL minuscoli e maiuscoli, ma non è sempre così. Tecnicamente, tutto ciò che segue il nome host (dominio) in un URL fa distinzione tra maiuscole e minuscole e alcuni server li tratteranno in modo diverso.

    Per essere al sicuro e per evitare potenziali problemi di contenuti duplicati, usa sempre URL minuscoli.

    Se stai usando WordPress, puoi saltare questa parte perché lo fà automaticamente.

    wordpress slug lowercase

    In caso contrario, basta incollare il titolo in convertcase.net e scegliere lettere minuscole.

    title tag seo

    9. Sostituisci gli spazi con trattini

    Gli URL non possono includere spazi. I browser li riscrivono “% 20”.

    Screen Recording 2020 05 14 at 08.08 pm

    Quindi, il passaggio finale è sostituire tutti gli spazi con trattini (-).

    Puoi usare trattini bassi (_) invece? Nel 2016 Google ha affermato che a loro non importa se i tuoi URL contengono trattini o lineette. Ciò rimane vero dal punto di vista della classifica, ma poiché le persone hanno generalmente più familiarità con i trattini, ha senso usarli dove possibile.

    È anche la raccomandazione ufficiale di Google:

    Consigliamo di utilizzare trattini (-) invece di trattini bassi (_) nei tuoi URL.

    Ecco la slug finale per il nostro post sui title tag:

    title-tag-seo

    Precedentemente in questa guida, abbiamo parlato dell’anatomia di un URL.

    the anatomy of a url

    Il processo sopra affronta solo una parte: la slug.

    Ecco quindi alcune migliori pratiche SEO da tenere a mente per il resto dell’URL.

    Usa HTTPS

    HTTPS crittografa i dati inviati tra i visitatori del sito e il tuo server web. È stato un fattore di classifica leggero dal 2014.

    Quindi, se non stai ancora utilizzando HTTPS, vale sicuramente la pena cambiare.

    Lettura consigliata: Che Cos’è HTTPS? Tutto Quello Che Devi Sapere

    Usa i sottodomini solo se necessario

    I sottodomini vengono visualizzati prima del nome di dominio. In genere vengono utilizzati per separare diverse aree di un sito web in base alla loro funzionalità.

    Ad esempio, il blog di Hubspot è su un sottodominio.

    10 hubspot blog subdomain

    Google afferma che trattano i contenuti sui sottodomini come qualsiasi altro contenuto e che non è più difficile classificare un sottodominio che una sottocartella.

    https://www.youtube.com/watch?v=uJGDyAN9g‑g

    Tuttavia, molti SEO non sono d’accordo e sono stati segnalati molti casi di aumenti del traffico dopo lo spostamento di contenuti da un sottodominio a una sottocartella.

    Nessuno sa con certezza perché, ma la teoria comune tra i SEO è che a volte Google tratta i sottodomini come siti Web separati.

    Quindi il nostro consiglio è di non utilizzare i sottodomini se non assolutamente necessario.

    Scegli un dominio memorabile

    Se sei ancora nelle prime fasi del tuo sito web e non hai ancora scelto un dominio, non preoccuparti di ottenere un dominio ricco di parole chiave o con corrispondenza esatta. Scegli qualcosa che sia memorabile e utilizzabile come brand.

    Ecco cosa ha detto John Mueller di Google sui domini ricchi di parole chiave:

    …soltanto perché le parole chiave si trovano nel nome di dominio non significa che si classificherà automaticamente per quelle parole chiave. E questo è qualcosa che è stato il caso per molto, molto tempo.

    Scegli un TLD appropriato

    Se desideri attirare traffico globale, scegli un dominio di primo livello generico (gTLD) come .com.

    Google tratta tutti i gTLD allo stesso modo dal punto di vista SEO, ma .com è di solito il migliore se riesci a ottenerlo. TLD come .biz, .info e .name sono spesso associati allo spam, quindi la scelta di uno di questi potrebbe influire sulla capacità di creare link di alta qualità.

    Se vuoi attrare clienti da una località geografica specifica, utilizza un dominio di primo livello gTLD o codice paese (ccTLD) come .co.uk o .fr.

    Nota a margine.
    Va benissimo usare un gTLD come .com anche quando vuoi attirare prospetti da una località geografica specifica.

    Utilizza le sottocartelle per creare un ordine gerarchico

    Le sottocartelle aiutano a dare un senso di gerarchia e forniscono utili informazioni aggiuntive.

    Ad esempio, prendi questo URL:

    domain.com/airpods.html

    Non è chiaro dall’URL se la pagina vende AirPods, una recensione di AirPods o qualcos’altro.

    Ora guarda questo:

    domain.com/store/earbuds/apple/airpods.html

    Questo è chiaramente l’URL di una pagina di prodotto che vende AirPods.

    La struttura della sottocartella non fornisce solo queste informazioni. Inoltre chiarisce che:

    • Gli auricolari sono solo uno dei tipi di prodotti offerti dal negozio online.
    • Apple produce questo prodotto e ci sono potenzialmente altri auricolari in vendita dallo stesso brand.
    • Ci sono probabilmente altre marche di auricolari in vendita nel negozio online.

    L’uso delle sottocartelle semplifica anche l’integrazione delle parole chiave negli URL senza che queste sembrino spam.

    Spammy: domain.com/buy-apple-airpods-earbuds.html

    Non-spammy: domain.com/store/earbuds/apple/airpods.html

    Usa le sottocartelle a secondo della necessità

    Molti SEO credono che avere troppe sottocartelle in un URL possono influire negativamente i ranking. Tuttavia, Google ha affermato in numerose occasioni che ciò non è vero.

    Detto questo, a causa del funzionamento della maggior parte dei CMS moderni, avere molte sottocartelle in un URL è spesso un segno che una pagina è “sepolta” nell’architettura del sito.

    Non è l’ideale se desideri che gli utenti (e i motori di ricerca) possano trovare la pagina.

    Se sospetti che ciò possa rappresentare un problema sul tuo sito, non fare affidamento sul numero di sottocartelle come prova. Invece, esegui la scansione del tuo sito con uno strumento come Site Audit di Ahrefs e cerca pagine approfondite.

    È possibile utilizzare questo set di filtri in Page Explorer per fare ciò:

    11 site audit filters deep pages

    Page Explorer nel Site Audit di Ahrefs.

    Evita la ripetizione delle parole chiave

    La ripetizione di parole chiave negli URL li fa sembrare spammy.

    Spesso è facile evitarlo quando si creano slug di URL, ma è un errore semplice da commettere quando si lavora con le sottocartelle.

    Ad esempio, dai un’occhiata all’URL per questa pagina:

    myer.com.au/c/men/mens-shoes/mens-sneakers

    Ripete la parola “men” tre volte.

    Anche se questo non è un grosso problema, la ripetizione non è necessaria. Questo sarebbe probabilmente meglio:

    myer.com.au/c/men/shoes/sneakers

    Evita le date

    I CMS più popolari (ad es. WordPress) utilizzano URL con date predefinite, almeno per i post.

    Ciò può causare problemi se aggiorni i tuoi contenuti perché Google potrebbe mostrare informazioni contraddittorie nei risultati di ricerca.

    12 date in url

    Ora, se il tuo sito è impostato in questo modo e hai già pubblicato contenuti, non cambiare le cose. Il rischio di rompere il tuo sito Web è troppo elevato.

    Tuttavia, se stai configurando un nuovo sito utilizzando WordPress, la semplice soluzione a questo problema è modificare le impostazioni del permalink prima di pubblicare qualsiasi cosa.

    13 wordpress permalinks

    Evita i parametri URL dove possibile

    I parametri URL di solito compaiono dopo un punto interrogativo (?) nell’URL.

    Questi sono comuni sui siti di e‑commerce con opzioni di navigazione e ordinamento sfaccettate, ma è meglio evitarli su pagine indicizzabili se non assolutamente necessario.

    Perché? Perché possono causare problemi di contenuto duplicato. È qui che lo stesso contenuto o simile è accessibile a più URL.

    Su un sito di e‑commerce, questo potrebbe essere lo stesso prodotto in diversi colori o stili.

    Ad esempio, guarda qui come cambia  l’URL mentre il contenuto della pagina rimane lo stesso:

    Screen Recording 2020 05 14 at 08.28 pm

    Se ciò accade sul tuo sito, assicurati di canonicalizzare gli URL simili o duplicati alla versione che dovrebbe essere classificata nei motori di ricerca.

    Puoi trovare problemi di contenuto duplicati sul tuo sito nel rapporto Duplicate content in Site Audit di Ahrefs.

    14 duplicate pages site audit

    Pensieri finali

    Anche se non paga passare troppo tempo a creare URL SEO-friendly, ha certamente senso adottare un approccio logico e seguire le migliori pratiche.

    Inoltre, il processo sopra richiederà soltanto pochi secondi o minuti dopo averlo fatto alcune volte.

    Hai domande? Ping me su Twitter.

    Tradotto da Federico Dedeu, consulente digitale.