Enjoyed the Read?

Don’t miss our next article!

Come Eseguire una Campagna di Link Building Velocemente (e Sistemizzare Tutto)

Joshua Hardwick
Head of Content @ Ahrefs (o, in parole povere, sono la persona che fa sì che ogni articolo pubblicato sul nostro blog sia EPICO). Fondatore @ The SEO Project.
    Conosci le basi di link building, ma è una lotta per eseguire una campagna? Questa guida avanzata ti mostrerà come farlo velocemente.

    Le attività di link building possono essere suddivise in tre attività:

    1. Trovare prospetti
    2. Trovare le informazioni di contatto
    3. Inviare l’email

    La maggior parte delle informazioni che leggi online si concentrano sull’ultima parte: l’invio di e‑mail. Ma se hai mai fatto prima del blogger outreach, saprai che le vere difficoltà o intoppi avvengono quando bisogna trovare i prospetti e le informazioni di contatto.

    Risolvi quelle due cose, e l’invio di e‑mail è facile.

    In questo tutorial attuabile, ci concentreremo su come rendere più efficienti le prime due parti del processo. E parleremo anche di come sistemizzare, automatizzare ed ampliare il processo di outreach.

    Iniziamo subito.

    Prima di fare qualsiasi cosa, dobbiamo prima scegliere un tipo di campagna da eseguire.

    Per semplificare le cose, optiamo per una campagna di guest posting.

    Prima di perderti, lasciami solo dire che so che il guest posting è tutt’altro che eccitante. È noioso, ed è ormai acqua passata. Il motivo per cui lo sto usando per dimostrare questo processo è perché è un esempio semplice. Spiegherò come applicarlo in seguito ad altre strategie di link building.

    Pronto? Iniziamo

    Passaggio 1. Ricerca prospetti

    Il primo pezzo del puzzle è abbandonare il solito approccio dell’utilizzo di Google per trovare i prospetti.

    Non fraintendermi, Google è eccellente per trovare prospetti per tutti i tipi di campagne, ma è un enorme  seccatura quando la velocità è l’obiettivo. Devi estrarre risultati, controllare collettivamente le metriche SEO con uno strumento di terze parti e, beh, ci vuole solo troppo tempo.

    Quindi, invece, utilizzeremo Content Explorer di Ahrefs.

    Content Explorer è un database ricercabile e filtrabile di circa un miliardo di pagine web.

    Ora, ciò che non faremo qui è usare gli operatori di ricerca per trovare “scrivi per noi pagine”, anche se è possibile con Content Explorer.

    1 write for us content explorer

    Invece, lo useremo per trovare siti che stanno scrivendo su argomenti rilevanti.

    Ci sono tre motivi per questo:

    1. La maggior parte delle persone sono aperti ai guest post, anche se non hanno una pagina “scrivi per noi”.
    2. Se i siti web hanno già pubblicato contenuti su argomenti pertinenti, allora sappiamo che sono prospetti adatti.
    3. Ci fornisce due dati chiave (post URL e autore) per facilitare la ricerca delle informazioni di contatto.

    Per iniziare, andremo su Content Explorer ed eseguiremo una ricerca “In title” in questo modo per trovare post sul blog su argomenti rilevanti:

    (How OR why) AND ([keyword 1] OR [keyword 2])

    Ad esempio, se abbiamo un sito che vende integratori di salute, possiamo cercare qualcosa del genere:

    2 ce blog post search

    Per spiegare come funziona questa ricerca:

    • Le parentesi raggruppano le parole.
    • L’operatore OR dice di restituire risultati contenenti una delle parole tra parentesi (ad esempio, how o why).
    • L’operatore AND dice di restituire risultati con almeno una delle parole del primo gruppo (how o why) e del secondo gruppo (muscle o gym).

    Metti tutto insieme e ciò che stiamo effettivamente cercando sono le pagine con le parole “how” o “why” e “muscle” o “gym” nei tag del titolo.

    La maggior parte di questi saranno post di blog relativi alla costruzione muscolare o alla palestra.

    Ad esempio, ecco alcuni dei risultati della nostra ricerca:

    3 ce results

    Da qui, dobbiamo filtrare i risultati solo per le pagine che sono:

    • Inglese. Content Explorer archivia le pagine in molte lingue, ma vogliamo solo pagine in inglese perché stiamo facendo outreach in inglese. Le persone che hanno scritto contenuti in un’altra lingua potrebbero non essere in grado di leggere la nostra email di outreach.
    • Live. Content Explorer memorizza le pagine live e mancanti. Non ha senso per noi contattare gli autori delle pagine mancanti perché si chiederanno come abbiamo trovato quella pagina e perché stanno ricevendo una nostra email.
    • Siti web DR 20–95. Domain Rating (DR) è una metrica SEO di  Ahrefs che misura l’ ”autorità di collegamento” di un sito. Probabilmente non vale la pena spendere molto tempo e fatica a scrivere guest post per la maggior parte dei siti web con DR bassi, e i domini con punteggi DR molto alti sono quasi sempre siti web come Facebook, Google, ecc. Vogliamo filtrare entrambi per evitare tempo perso.

    Ecco come applicare questi filtri in Content Explorer:

    content explorer filters

    Dobbiamo anche filtrare più pagine dallo stesso dominio in cui desideriamo contattare ogni sito web una sola volta.

    Per fare ciò, possiamo usare la casella di controllo “One page per domain”.

    one page per domain

    2.685 prospetti. Non male per due minuti di lavoro.

    Tutto quello che resta da fare è esportare i risultati in CSV e importare tutto in un Foglio Google. Non usare Excel per questo. Il motivo diventerà chiaro nel prossimo passaggio.

    Nota a margine.
     È possibile esportare fino a 2.000 risultati da Content Explorer quando si utilizza l’interruttore “One page per domain”. Se ci sono più di 2.000 risultati per la tua ricerca, regola il filtro DR ed esporta i risultati in lotti. Ad esempio, se si ottengono 3.500 risultati durante il filtraggio di pagine su siti DR 20–95, è possibile invece filtrare pagine da siti DR 20–50, esportare i risultati, quindi ripetere la procedura per pagine da siti DR 51–95. Tutto ciò che devi fare è unirli in Fogli Google.

    Passaggio 2. Trovare le informazioni di contatto

    Prima di poter contattare uno di questi siti, dobbiamo trovare alcune informazioni di contatto, ovvero nome, cognome e indirizzo e‑mail di una persona appropriata.

    Questo di solito è un enorme seccatura per due motivi:

    1. È un processo manuale. Devi visitare i siti, trovare il nome della persona da contattare e cercare il loro indirizzo e‑mail.
    2. È più facile trovare le informazioni di contatto di alcuni siti rispetto ad altri. A volte puoi facilmente passare più di 15 minuti alla ricerca di un solo indirizzo email.

    Quindi ecco la soluzione:

    Invece di trovare e‑mail manualmente, lasceremo che Hunter, uno strumento di ricerca e‑mail, faccia il duro lavoro per noi. Dobbiamo solo dargli un nome, un cognome e un nome di dominio.

    Ad esempio, se inseriamo il mio nome completo e “ahrefs.com” in Hunter, trova il mio indirizzo email:

    4 email hunter

    Ma come possiamo ottenere nomi e domini dei nostri potenziali prospetti?

    Se guardiamo l’esportazione da Content Explorer, vediamo che ci sono già nomi di autori per alcuni potenziali prospetti.

    5 author names ce

    Nota a margine.
     Ho sostituito tutti i nomi nell’esportazione con nomi falsi per motivi di privacy.

    Se li forniamo a Hunter, insieme a “URL dei contenuti”, estrarrà il dominio e cercherà di trovare l’indirizzo email di quella persona. Se la trova, sappiamo che sono in qualche modo associati al sito. In caso contrario, possiamo solo supporre che siano guest blogger e ignorarli per ora.

    Quindi ecco il processo:

    Innanzitutto, filtreremo le pagine senza i nomi degli autori.

    filter google sheet

    In secondo luogo, elimineremo tutte le colonne ad eccezione di Titolo contenuto, URL contenuto e Autore.

    6 filtered ce export

    Terzo, aggiungeremo altre due colonne (D ed E):

    7 new columns

    Nella cella D1, inseriremo questa formula:

    =IFERROR(ARRAYFORMULA(IF(C1:C="Author","First name",IFERROR(IF(search(" ",C1:C),LEFT(C1:C,FIND(" ",C1:C)-1),C1:C),C1:C))),"")

    Nella cella E1, inseriremo questa formula:

    =IFERROR(ARRAYFORMULA(IF(C1:C="Author","Last name",IF(LEN(D1:D)<1,"",IFERROR(IF(search(" ",C1:C),TRIM(RIGHT(SUBSTITUTE(C1:C," ",REPT(" ",100)),100)),""),"unknown")))),"")

    Questo divide il nome e il cognome.

    8 split names ce

    Questo è importante perché non useremo lo strumento web di Hunter per trovare indirizzi e‑mail; utilizzeremo il loro componente aggiuntivo per Fogli Google per controllarli in blocco.

    Se stai seguendo, devi registrarti e ottenere una chiave API per questo, e ti darà 50 ricerche gratuite al mese. Quando sei pronto per iniziare, caricalo in Fogli e utilizza l’opzione di ricerca e‑mail.

    Digli dove trovare il nome, il cognome e l’URL. Lascia vuoto il nome dell’azienda.

    9 hunter google sheets

    Premi trova gli indirizzi email e inizierà ad usare i suoi trucchetti magici

    hunter google sheets

    Nota che questo non troverà indirizzi email per tutti. Il nome deve appartenere a qualcuno associato al sito Web (nel senso che hanno un’e-mail personale @dominio) e deve trovarsi nel database di Hunter.

    Il passaggio finale consiste nel verificare le e‑mail trovate da Hunter utilizzando uno strumento come Neverbounce.

    Per fare ciò, useremo lo strumento collettivo di Neverbounce, cariceremo l’elenco, e poi puliremo l’elenco.

    neverbounce bulk

    Nota a margine.
     Riceverai 1.000 crediti gratuiti quando ti registri a Neverbounce. Se hai bisogno di più dopo, è abbastanza economico, tra $ 3- $ 8 per 1.000 e‑mail.

    Infine, esporteremo le e‑mail valide e utilizzeremo una formula VLOOKUP per portarle nel nostro foglio.

    Adesso abbiamo molti prospetti pronti a proporre i nostri guest post.

    10 final result

    Esportiamoli in CSV e siamo pronti per la parte finale del processo.

    Passaggio 3. Inviare l’email

    Buone notizie: gran parte degli sforzi sono fatti. Non resta che caricare i potenziali prospetti su uno strumento di outreach come Mailshake, Buzzstream o Pitchbox.

    È quindi solo un caso di scrivere un template di outreach utilizzando i campi di unione.

    11 mailshake

    Nota a margine.
    Scrivi un’email di outreach migliore rispetto all’esempio sopra. L’ho tenuto intenzionalmente semplice a scopo dimostrativo. Non è una buona proposta.

    E adesso, a questo punto, potresti iniziare a mandare e‑mail da ogni dove senza alcuna personalizzazione, ma non lo consigliamo. Personalizzare le tue e‑mail è praticamente l’unico fattore di differenziazione tra uno spam e un approccio non spam. Solo perché stiamo automatizzando le cose non significa che le regole di buon outreach non si applichino più.

    Io la vedo così: stiamo automatizzando le cose noiose in modo da poter dedicare più tempo alle cose che contano, come personalizzare le e‑mail e ricontrollare che i nostri prospetti siano validi.

    Questo rallenta le cose? Certo, ma anche se ci vogliono cinque minuti per personalizzare ogni e‑mail, sono comunque 12 e‑mail all’ora.

    Se assumiamo un basso tasso di conversione dell’8%, resta comunque un link all’ora di lavoro.

    Ma, se sembra ancora molto lavoro per un link, la sezione successiva potrebbe interessarti.

    Trovare qualcuno per inviarti email di outreach è abbastanza semplice: basta pubblicare un annuncio di lavoro su un sito web freelance come Upwork.

    Ma perché fermarsi qui? È del tutto possibile:

    • Sistemizzare e delegare quasi ogni parte del processo.
    • Automatizzare cose per ridurre le parti in movimento.
    • Ampliare e raggiungere più prospetti.

    Ecco come fare ognuna di queste cose:

    Sistemizzare

    Quello che abbiamo sopra è un processo per link building, ma i processi non sono uguali ai sistemi. Un processo è una serie di passaggi per raggiungere un obiettivo finale, mentre un sistema unisce questi passaggi.

    Praticamente, con i sistemi, una volta messe in moto le ruote, tutto si prende cura di se stesso.

    Ecco un modo semplice per trasformare il processo sopra in un sistema:

    Innanzitutto, imposta una scheda Trello con elenchi per ogni parte del processo.

    12 trello board setup

    In secondo luogo, crea la documentazione per ciascuna fase.

    Trovo Google Docs migliore per questo perché puoi facilmente condividerli con altri membri del tuo team. Quindi, per il processo sopra descritto, creeresti tre documenti: uno per la prospezione, uno per la ricerca delle informazioni di contatto e uno per l’invio di e‑mail.

    13 documentation docs

    In terzo luogo, creare un nuovo elenco sulla scheda Trello e aggiungi li i link alla documentazione.

    trello documentation

    Ora, ogni volta che inizi una campagna, devi solo creare una nuova carta, taggare la persona responsabile dell’esecuzione della prima attività e indicarla alla documentazione.

    trello task

    Tuttavia, ti starai chiedendo cosa succede quando la persona completa questa attività? Non devi tenere d’occhio le cose e continuare ad assegnare i passaggi alla persona successiva?

    No. Rendi l’assegnazione del passaggio successivo parte della tua documentazione.

    14 final instruction docs

    Automatizzare

    Avere un sistema in cui tutti gli ingranaggi continuano a girare è fantastico, ma non sarebbe ancora meglio se si potesse ridurre il numero di ingranaggi che devono girare?

    È qui che entra in gioco l’automazione.

    Guarda questo video per scoprire come automatizzare gran parte del processo sopra descritto con Zapier:

    https://www.youtube.com/watch?v=HyIXvIaUlLk

    Ampliare

    Leggendo questa guida, potresti aver notato che sebbene questo processo sia veloce, sistematizzato e possa anche essere semi-automatizzato, lascia molti prospetti in ballo.

    Dopotutto, Content Explorer trova solo nomi per alcune pagine, Hunter trova solo indirizzi e‑mail per alcuni prospetti e Neverbounce verifica solo alcune e‑mail.

    Se inizi con 1.000 prospetti, potresti averne solo 100 pronti alla fine di questo processo.

    Dato che esiste un numero limitato di prospetti per qualsiasi campagna, non ha senso lasciarne il 90% in ballo.

    Ma ecco il punto: Non ti sto dicendo di fare questo.

    Il punto di questo processo è far avviare una campagna di link building il più rapidamente possibile, non eseguirla alla perfezione.

    Fare le cose in questo modo ti consente di capire rapidamente se una campagna possa funzionare o no.

    Se non funziona, dagli un taglio.

    Se funziona, allora è il momento di ampliare.

    Hai già un sistema in posto, quindi ampliare le cose è facile come creare un ulteriore documento per trovare nomi e indirizzi e‑mail manualmente.

    Tuttavia, questo non è l’unico modo per ampliare. Puoi anche:

    1. Eseguire più campagne.
    2. Applicare questi principi a più tattiche di link building.

    Approfondiamo l’opzione B.

    Tutto ciò di cui abbiamo parlato sopra può essere applicato praticamente a qualsiasi tattica di link building, purché il processo di prospezione ti dia il nome e il cognome.

    Ma il fatto è questo: la maggior parte dei processi di prospezione non ti danno quei dettagli.

    Ad esempio, supponiamo che in Site Explorer trovi un’opportunità di creazione di link building di link rotti.

    15 broken link opportunities

    16 backlinks report

    Se esporti il ​​rapporto sui backlink per questa opportunità, non vedrai i nomi degli autori.

    Questo non è un grosso problema. Finché il tuo elenco di prospetti è un elenco di pagine web (non siti web), devi solo aggiungere un ulteriore passaggio al processo: usa URL Profiler per estrarre i nomi.

    Come? Basta incollare i prospetti in URL Profiler e selezionare la casella di controllo “Readability”.

    17 url profiler

    Ciò consentirà di estrarre i nomi degli autori dalle pagine ove possibile.

    Nota a margine.
     URL Profiler non è gratuito, ma c’è una prova gratuita di 14 giorni. 

    Ne trova tanti come Content Explorer? Nella mia esperienza, non del tutto, ma non c’è molta differenza.

    Unisci questo con i tuoi dati esistenti usando VLOOKUPS in Fogli Google.

    Usando Google per trovare prospetti?

    Puoi anche estrarre metriche SEO di Ahrefs come DR, UR e traffico organico con URL Profiler.

    Basta selezionare le caselle appropriate per i punti dati che si desidera estrarre.

    18 url profiler ahrefs metrics

    Da lì, abbiamo praticamente eseguito lo stesso processo di prima: trovare le e‑mail, verificarle, fare outreach.

    Pensieri finali

    Avviare una campagna di link building non deve richiedere giorni o addirittura ore.

    Utilizzando la procedura descritta in questa guida, dovrebbe essere possibile proporre alcuni guest post entro circa 30 minuti, anche se non si ha molta esperienza in link building.

    Hai domande? Non hai capito qualcosa? Scrivimi su Twitter.

    Tradotto da Federico Dedeu, consulente digitale.

    Shows how many different websites are linking to this piece of content. As a general rule, the more websites link to you, the higher you rank in Google.

    Shows estimated monthly search traffic to this article according to Ahrefs data. The actual search traffic (as reported in Google Analytics) is usually 3-5 times bigger.