13 errori di tracciamento di Google Analytics (e come risolverli)

Avatar
Marketer e scrittore di contenuti ad Ahrefs. Appassionato di SEO, aviazione, profumi, sushi e tacos.
Statistiche dell'articolo
  • Siti linkanti 2
Dati dal Content Explorer

Mostra quanti siti web stanno linkando a questo contenuto. Come regola generale, più sono i siti che ti linkano, più in alto ti posizionerai su Google.

Mostra la stima del traffico organico mensile di questo articolo in base ai dati di Ahrefs. Il traffico organico reale (come mostrato da Google Analytics) è solitamente maggiore di 3-5 volte.

Il numero di volte che questo articolo è stato condiviso su Twitter.

    Se hai visto questo calo di traffico nel tuo account Google Analytics…

    1 google analytics traffic

    … probabilmente vorresti dare la priorità al miglioramento della SEO per quella pagina.

    E se questi dati fossero errati?

    Esiste un alto rischio di prendere decisioni sbagliate se si fa affidamento ciecamente sui dati visualizzati in Google Analytics. Conoscete il detto: spazzatura in, spazzatura fuori.

    Questa guida ti aiuterà a minimizzare i fattori che contribuiscono a distorcere i dati correggendo questi errori:

    1. Codice Google Analytics mancante o duplicato
    2. Impostazione errata degli eventi di interazione
    3. Tracciamento dei risultati di altri domini
    4. Tracciamento delle tue sessioni
    5. Non utilizzare il filtro bot
    6. Tracciamento di segnalazioni di spam
    7. Uso improprio dei parametri UTM
    8. Non escludere i parametri di query
    9. Non unendo le stesse fonti e mezzi
    10. Non utilizzare un elenco di esclusione dei referral
    11. Tracciamento informazioni di identificazione personale (PII)
    12. Non generare visualizzazioni di pagina per applicazioni a pagina singola (SPA)
    13. Non aver viste di backup e testing

    Sembra banale, ma è un problema comune, specialmente su siti che utilizzano più di un CMS.

    La buona notizia è che Google Analytics ha notifiche di codice mancanti integrate. La brutta notizia è che è lento e potrebbe richiedere settimane per avvisarti che esistono delle pagine con codice mancante. Inoltre non ti dice dei codici duplicati, che è un altro problema comune.

    Per questo motivo, è meglio non contare sulle notifiche di Google e invece eseguire la scansione del tuo sito per errori con uno strumento che permette l’estrazione personalizzata.

    Ecco come impostare una ricerca per indicizzazione con estrazione personalizzata in Screaming Frog per estrarre i codici di Google Tag Manager e Google Analytics:

    2 sf regex

    È meglio esportare la ricerca per indicizzazione per esaminare i dati. Puoi filtrare facilmente i codici mancanti o vedere i duplicati se ci sono più colonne nel rapporto, ad esempio Trova codice GTM 1 e Trova codice GTM 2.

    3 missing google analytics code

    Esportazione ricerca per indicizzazione di Screaming Frog CSV in Google Sheets.

    Avere elementi come acquisti, invii di moduli o riproduzioni video impostati come eventi di interazione ha senso. Sono importanti per la tua attività, quindi il fatto che non vengano conteggiati come rimbalzi, anche quando il visitatore visualizza solo una pagina, va bene.

    Ma se stai usando eventi di interazione per tenere traccia degli eventi che si attivano automaticamente su ogni pagina, come il monitoraggio della profondità di scorrimento, che risulterà in una frequenza di rimbalzo vicina allo zero in tutto il tuo sito Web, il che non va bene.

    Puoi facilmente individuare questi problemi cercando frequenze di rimbalzo irrealisticamente basse in GA.

    Se sospetti che gli eventi di interazione siano colpevoli, modifica l’impostazione dell’evento “Non-interaction hit” da falso a vero in Google Tag Manager.

    4 event interaction settings

    Se non stai utilizzando Google Tag Manager, aggiungi solo un’altra riga di codice allo snippet di eventi GA.

    È sorprendentemente facile per qualcuno mandare all’aria i tuoi dati se non prendi misure preventive. Perché? Perché il tuo codice di monitoraggio GA / GTM è visibile a chiunque apra il tuo codice sorgente, quindi chiunque può inviare hit ai server GA con il tuo codice di monitoraggio.

    Fortunatamente, è facile evitare che ciò accada impostando un filtro di visualizzazione.

    Ciò includerà solo hit dal tuo sotto dominio:

    6 exclude subdomain

    Ecco il modello di filtro regex del nome host: (^|.)example.com

    Ci sono molte azioni irregolari che facciamo sui nostri siti web e non vogliamo che si riflettano nei nostri dati.

    Quindi, mentre stiamo impostando i filtri, assicuriamoci anche di escludere gli hit dagli indirizzi IP interni. È facile farlo per un singolo IP:

    5 ip address

    Se devi escludere più IP, fai riferimento a questa guida di Google.

    Google è in grado di rilevare una buona parte del traffico spam / bot in arrivo sul tuo sito web. Tutto quello che devi fare è selezionare una casella.

    Lo troverai in Admin > View Settings:

    7 bot filtering

    Tieni presente che è sufficiente verificarlo solo per la vista di analisi principale. Non è necessario eseguire questa operazione per le visualizzazioni non elaborate o di test.

    I siti web più popolari attraggono link di spam. Così stanno le cose.

    La maggior parte di questi sono trascurabili e portano zero traffico di rinvio, ma alcuni possono inviare migliaia di segnalazioni di spam ogni giorno.

    Per verificare se questo è un problema per te, imposta l’intervallo di date su un minimo di tre mesi, e poi vai al rapporto Referrals (Acquisition > All Traffic > Referrals).

    Cerca domini loschi con un alto numero di referral.

    8 spam referrals

    Report referrals con referrals da un sito web losco.

    Non fare clic su domini sospetti in quanto potrebbero contenere malware o spyware. Invece, crea un elenco ed escludili con un filtro (Admin > Filter). Imposta il campo Filtro su “Campaign Source”, quindi elenca i domini nel campo Filter Pattern separati da un simbolo di barra verticale (|).

    9 spam referral exclusion

    IMPORTANTE. Ricorda sempre di verificare i filtri per vedere come influenzano i tuoi dati. C’è un pulsante sotto i filtri per questo.

    I parametri UTM sono tag che vengono aggiunti agli URL per etichettare diverse origini di traffico. Vengono utilizzati principalmente con annunci e link a pagamento che altrimenti si mischierebbero con visite organiche.

    Diciamo che stiamo pubblicando annunci su Twitter. Per impostazione predefinita, il traffico rientrerebbe in “twitter.com / referral”, rendendo impossibile qualsiasi analisi delle prestazioni. Quindi aggiungiamo i parametri UTM agli URL utilizzati per gli annunci Twitter:

    utm builder

    Schermata di Campaign URL Builder. Ti consiglio di utilizzare questo strumento per taggare i tuoi URL fino a quando non ti senti abbastanza esperto per farlo manualmente.

    Questi parametri UTM vengono quindi inviati ai server GA e utilizzati nelle rispettive dimensioni.

    11 utm ga

    fai parte di un team di marketing?

    Se ci sono più persone che gestiscono il lato del performance marketing, è necessario disporre delle linee guida per l’unificazione dei parametri UTM. Fidati di me, analizzare le prestazioni dei canali di marketing quando il tagging non è unificato è una delle cose che non vuoi davvero fare in Google Analytics.

    Nel fare ciò, tieni presente che il processo di aggiunta dei parametri UTM dipende dalla piattaforma pubblicitaria. Ad esempio, Twitter Ads richiede URL che hanno già i parametri, mentre Google Ads può (e dovrebbe) essere completamente automatizzato.

    ads autotagging

    Schermata dalle impostazioni di tagging di Google Ads, scopri di più qui.

    Ingombrare le dimensioni della pagina (Landing) con URL parametrizzati può essere un incubo per ulteriori analisi. Suddivide lo stesso URL in più righe, il che porta a metriche frammentate.

    12 query parameters ga

    Illustrazione di un URL frammentato a causa di parametri.

    Per risolvere questo problema, utilizzare il filtro dei report per mostrare tutti gli URL con parametri registrati nella vista GA.

    param filter

    Quindi, per mantenere unificate le dimensioni della pagina, escludi i parametri che non vuoi vedere nei tuoi report.

    Puoi farlo in View Settings:

    13 exclude query parameters

    Assicurati solo di non escludere:

    • Parametri query di ricerca (altrimenti bloccherà i tuoi dati di ricerca interna al sito)
    • Parametri UTM (GA può già gestirli correttamente)
    • Parametri che desideri monitorare separatamente (ad es. Quelli per prodotti diversi su siti di e‑commerce)

    Se hai a che fare con un gran numero di parametri diversi che desideri escludere, è preferibile utilizzare invece i filtri di visualizzazione. La loro flessibilità e la possibilità di usare espressioni regolari li rendono una soluzione migliore. Segui questa guida per configurarli.

    Potresti aver notato che alcune delle tue fonti di traffico e mezzi sono un casino perché sono sostanzialmente la stessa cosa. L’esempio più comune è il traffico di rinvio da Facebook.

    14 facebook referrals

    Questi strani sottodomini sono chiamati link shim referrals. Facebook li utilizza per motivi di sicurezza e privacy, ma possono rendere difficile l’analisi delle prestazioni di una determinata fonte / mezzo.

    Per risolverli, utilizza i filtri. Eccone uno che unisce il traffico di riferimento da Facebook:

    15 filter verification

    Ricorda di verificare che il filtro faccia quello che tu pensi.

    Dovresti anche creare una nota che hai unito il traffico in modo che altri colleghi non si chiedano cosa abbia causato il cambiamento. Google Analytics non applica i filtri con effetto retroattivo, quindi dovrai sempre gestire i vecchi dati.

    Quando aggiungi un dominio a un elenco di esclusione da referral, qualsiasi traffico proveniente da esso non verrà più etichettato come traffico di referral e non farà scattare una nuova sessione.

    Ciò è particolarmente utile in tre casi:

    • Gateway di pagamento. Se utilizzi processori di pagamento di terze parti, probabilmente rindirizzerai i tuoi clienti lì e indietro dopo aver completato il pagamento. Dovrebbe essere una sessione sotto una fonte di traffico.
    • Tracciamento del sottodominio. I sottodomini sono nomi host separati e il loro traffico innescherebbe naturalmente una nuova sessione di referral. Fortunatamente, GA invia il tuo dominio nell’elenco durante la creazione della proprietà. Lascialo lì. E mantieni anche il “Cookie Domain: Auto” predefinito se lo incontri nel codice di monitoraggio o GTM.
    • Monitoraggio interdominio. Si possono avere micrositi e altri domini separati per i quali potresti voler unire dati se è la stessa impresa.

    Troverai questo elenco in Admin > Property column > Tracking Info > Referral Exclusion List.

    Inserisci i domini nel formato esempio.com per coprire tutti i sottodomini.

    referral exclusion list analytics

    Mentre questo non danneggia la chiarezza dei dati, può causare seri danni alla tua azienda.

    Devi assicurarti di non tracciare informazioni personali come e‑mail, numeri di telefono o nomi. O ancora meglio: aderire alle norme sulla protezione dei dati e sulla privacy che si applicano alla tua azienda.

    Sfortunatamente, potresti tracciare le PII senza saperlo, generando parametri URL con informazioni personali in moduli o altrove.

    16 form pii

    Esempio di un URL con parametri contenenti PII.

    Questo probabilmente non sarà il caso se stai usando un CMS popolare, ma dovresti assolutamente verificarlo se hai un sito web completamente personalizzato.

    Giusto per affermare l’ovvio, non provare a raccogliere informazioni personali attraverso dimensioni personalizzate. E se vuoi vedere quali dati vengono raccolti da certi siti, usa un’estensione del browser come dataslayer o WASP.

    Il tuo sito web è un’applicazione a pagina singola (SPA)? In altre parole, utilizza JavaScript per generare dinamicamente il contenuto della pagina?

    Se la risposta è sì, il tracciamento è diventato un po ‘più complicato per te.

    Le SPA caricano tutto il necessario con la prima visualizzazione di pagina e aggiornano dinamicamente il contenuto e gli URL. Ciò significa che GA non traccerà alcuna visualizzazione di pagina successiva perché non ci sono hit successivi ai loro server.

    (Sono colpevole di aver ignorato questo aspetto quando dei sviluppatori stavano gradualmente cambiando un progetto su cui stavo lavorando al framework React.)

    Per risolvere questo problema, dovrai utilizzare soluzioni alternative che molto probabilmente richiederanno aiuto dagli sviluppatori o dagli esperti GTM. Se vuoi saperne di più, consulta la documentazione ufficiale di Google e questa guida approfondita.

    Quest’ultimo non è tanto un errore di tracciamento ma piuttosto una best practice per la gestione dei dati in Google Analytics.

    Anche se hai solo un account e una proprietà, assicurati sempre di avere almeno tre diverse visualizzazioni:

    1. Vista principale. Questa la userai di più con tutte le impostazioni desiderate e i filtri applicati.
    2. Vista di backup. Una vista lasciata con tutte le impostazioni predefinite. Se qualcosa va storto con la vista principale, avrai sempre tutti i dati grezzi qui.
    3. Vista di prova. Puoi giocare con questa vista per testare prima le acque. È utile se non sei sicuro delle implicazioni della modifica di impostazioni di visualizzazione più complesse, come vari filtri.

    Puoi rinominare le viste in Admin > View Settings > View Name.

    Ricorda solo di rendere i nomi delle visualizzazioni il più autoesplicativi possibili in ​​modo che gli altri utenti dell’account li comprendano.

    Considerazioni Finali

    Prova, verifica, ripeti.

    Ogni volta che apporti modifiche alle tue impostazioni GA, GTM o codici di monitoraggio, dovresti assumere per un pò il ruolo di un ingegnere responsabile per il controllo della qualità.

    Ciò significa che devi essere a tuo agio nel lavorare con il codice sorgente, i cookie e vari strumenti di debug. Consiglio di usare i seguenti:

    L’implementazione, l’audit e il debug dipendono dalla complessità delle esigenze di tracciamento e dall’implementazione del codice. Se non stai ancora utilizzando GTM, ti consiglio fortemente di apportare la modifica a meno che le tue esigenze di tracciamento siano semplici.

    Sì, ci vorrà molto tempo per imparare se sei un principiante. Ma i benefici sono enormi. Non dovrai contattare gli sviluppatori per tenere traccia delle modifiche al codice ed è semplicemente fantastico avere contenitori, tag, trigger e variabili ben organizzati.

    Ho già detto di testare e verificare tutto?

    Ping me su Twitter se hai domande.

    Tradotto da Federico Dedeu, consulente digitale.

    • Siti linkanti 2
    Dati dal Content Explorer